Skin ADV
La Voce di Pistoia
  • 16:04 - 26/4/2019
  • 520 utenti online
  • 21010 visite ieri
  • [protetta]
  • Cerca:
In evidenza:  
BASKET

Anche se virtualmente poi dovremo aspettare i risultati di domenica, non sono abituato a buttare la palla in tribuna: mi sembra evidente che per la situazione in cui siamo, per la classifica e per i numeri, domani è la nostra ultima chance

BASKET

In una situazione oggettivamente molto difficile, sarà importante per Pistoia riuscire a controllare anche l'aspetto emotivo: "E' una delle cose che ci sono mancate contro Torino -spiega Moretti- dal momento che per non aver saputo controllare i nervi abbiamo regalato ai nostri avversari tre possessi e sette tiri liberi"

BASKET

Finisce 81-78 al termine di una gara combattutissima: Pistoia, condannata anche dagli episodi, vede allontanarsi la salvezza.

SPADA

Grandissima impresa dello spadista della Chiti Fabio Mastromarino che a Caserta ha vinto la seconda prova del circuito nazionale under 14 Kinder + sport. Fabio ha vinto la gara con grande autorità, riscattando così la prima delle due gare del circuito nazionale in cui aveva reso al di sotto delle sue possibilità

BASKET

Dopo aver bagnato il suo secondo esordio sulla panchina biancorossa con  la vittoria del PalaDozza, Paolo Moretti cercherà il "raddoppio", domani, nel delicatissimo scontro diretto contro Torino

SCI

Il ricavato della manifestazione, 4.000 euro, andrà all’associazione Zeno Colò per l’ospedale Pacini di San Marcello Pistoiese

BASKET

I biancorossi si impongono in casa della Virtus con il punteggio di 78-67 e rispondono alla vittoria di Torino, attesa domenica al PalaCarrara in quello che si preannuncia come un vero e proprio spareggio per rimanere in serie A

SCHERMA

Grande la prova di Nicol Foietta, alle qualificazioni per i campionati italiani assoluti disputatesi a Caorle. La seconda prova di qualificazione, utile per individuare (all’esito delle due prove) le migliori 24 qualificate per le finali in programma a giugno a Palermo, ha visto Nicol issarsi fino al 3° posto grazie a una grande gara

STORIA

25 APRILE 2019 Festa di Liberazione, omaggio alla Resistenza Ore 11 - Piazza della Resistenza – Pistoia - Cerimonia al monumento ai caduti. Ore 12 – Piazza del Duomo – Pistoia - Concerto Bande. Organizzata da CUDIR Pistoia.

MOSTRA

Proseguirà nel Battistero di San Giovanni in Corte fino a domenica 2 giugno 2019 (apertura tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 18) l'esposizione del Crocifisso di Jorio Vivarelli, insieme alle fotografie di Aurelio Amendola

TEATRO

La compagnia de Gli Omini lancia gli ultimi appuntamenti che completeranno la micro-stagione di spettacoli cominciata a gennaio 2019 in Segheria, lo spazio pistoiese in zona Sant’Agostino

MOSTRA

Venerdì 12 aprile alle ore 18 la Fondazione Marino Marini di Pistoia inaugura la personale della fotografa cinese Gao Yuan. La mostra rimarrà aperta fino al 16 giugno e propone laboratori per bambini condotti dalla stessa Yuan

LIBRI

Ivan Raversi è un quarantenne ancora costretto a vivere con i genitori, a mendicare affetto e a barcamenarsi nella ricerca di un’occupazione. Un nuovo impiego è l’occasione per risolvere tutti i suoi problemi. Ma a che prezzo?

TEATRO

Sabato 6 e 27 aprile vanno in scena al Teatro Moderno di Agliana due commedie avvincenti per la regia di Dora Donarelli e prodotte dalla Compagnia Il Rubino

MOSTRA

Inaugura sabato 30 marzo, alle 16.30 nelle sale Affrescate del Palazzo comunale l’installazione artistica site – specific Conflitti e Armonie di Luigi Petracchi a cura di Laura Monaldi, che resterà aperta fino al 28 aprile

MOSTRA

Villa Smilea ospita dal 30 marzo al 14 aprile “Anime vaganti”, la retrospettiva dell’artista pistoiese Riccardo Baldini, classe 1954, che ripercorre la china di una pittura dedicata all’indagine dell’interiorità umana

Non ho bisogno di te, ho voglia di te. vita mia
Non .....
Mai sarebbe andata,
ma in qualche modo
lasciai .....
Dal libro
"PER MIA FORTUNA, AMANDO, MI SONO ROVINATO .....
Il consenso delle stelle

Esiste una favola vera
dove .....
Il mio amico francesco Nesci, reduce da un ischemia nel 2017, .....
Il mio amico francesco Nesci, reduce da un ischemia nel 2017, .....
Pescia, centro storico, 3° piano.
Tre vani e ½ di mq. 60 .....
Randstad Italia Spa

Ricerca

per ALIA Servizi Ambientali .....
none_o
Scuola Bruno Ciari, i genitori: "Il Comune la tratta come una zavorra di cui liberarsi un pezzo alla volta"

3/4/2019 - 14:30

Perché il Comune di Pistoia ha deciso di passare allo Stato la gestione della scuola materna Bruno Ciari?

Nella delibera di Giunta del 17 ottobre dello scorso anno – approvata omettendo ogni coinvolgimento preliminare di noi genitori, come pure ogni comunicazione successiva – la giustificazione è stata quella della continuità educativa 3-14 anni. A molti di noi quella motivazione è subito apparsa pretestuosa. Perché non la continuità 0-6 con i nidi comunali?

 

La ragione era evidentemente economica.

In effetti si è poi saputo che l’amministrazione ha rappresentato ai sindacati la volontà di spostare su altri servizi le assunzioni che, con la statalizzazione, sarebbero possibili dopo il pensionamento del personale delle scuole. Da ultimo, abbiamo appreso che invece si tratterebbe semplicemente di tagliare la spesa per ovviare al lamentato problema dello squilibrio tra entrate ordinarie e spese ordinarie che affliggerebbe tuttora il bilancio comunale.

 

Noi genitori ci siamo mobilitati. Non potevamo accettare il passaggio allo Stato di una scuola comunale che ha fatto la storia della pubblica istruzione nella nostra città; una statalizzazione che metterebbe, anche simbolicamente, una pietra tombale sul metodo educativo pistoiese. Non potevamo accettare che una scelta così delicata e carica di futuro, non solo per i nostri figli ma per la Pistoia dei prossimi decenni, venisse adottata con metodi poco trasparenti e per nulla partecipati, oltre che con motivazioni reticenti, confuse, niente affatto esplicite. Così abbiamo protestato con tutte le nostre forze. Abbiamo sensibilizzato i pistoiesi sul tema informandoli delle caratteristiche che rendono speciale il nostro metodo educativo, non a caso studiato e preso a modello in tutto il mondo, i nostri nidi e le scuole d’infanzia comunali sono frequentemente meta di delegazioni straniere provenienti dall’Europa che vengono a osservare e ad imparare direttamente dalle nostre maestre. In poco tempo, a sostegno di un appello che chiedeva al Comune di bloccare l’iter della statalizzazione abbiamo raccolto 2.160 firme – prova di un tangibile, profondo interesse da parte della città – e le abbiamo consegnate al Sindaco.

Dopo il primo incontro con il primo cittadino molti di noi erano fiduciosi che l’amministrazione avrebbe riconsiderato la decisione, come accaduto con la scuola di Santomoro.

 

Il Sindaco Tomasi ci disse che aveva apprezzato i metodi civili e garbati della protesta e ci informò che erano allo studio altre soluzioni, come quella della riorganizzazione del servizio mensa. Mostrando interesse e apertura alle nostre ragioni ci chiese di attendere un po’ di tempo per le opportune verifiche tecniche e sindacali e di pazientare per eventualmente far maturare un diverso indirizzo. Ebbene, dopo quasi due mesi, la musica è cambiata. La risposta, alla fine, è stata a dir poco deludente. Il Comune prosegue imperterrito sulla via della statalizzazione. Si tratta – ci è stato detto – di una decisone politica e non si danno, oggi, soluzioni alternative. Quest’anno è andata così; il prossimo, se lo Stato non accetterà la scuola, chissà.

 

Con grande amarezza ne abbiamo preso atto. A nulla sono valsi i nostri argomenti. La volontà dell’amministrazione è chiaramente quella di mettere su un binario morto ciò che è rimasto della gloriosa esperienza dei servizi educativi pistoiesi mediante la statalizzazione delle materne e la privatizzazione dei nidi, in modo da racimolare un po’ di soldi da spendere non si sa come.

 

Una cosa è certa: noi continueremo la nostra lotta per difendere la scuola Bruno Ciari e il metodo educativo pistoiese. Non perché quel metodo sia migliore di altri ma perché l’esperienza delle nostre scuole è un patrimonio immateriale di inestimabile valore, riconosciuto dagli esperti del settore, fatto di principi, prassi educative, valori pedagogici che, nell’insieme, costituisce senza alcun dubbio una differenza da conservare con la massima cura e da mettere in comunicazione con gli altri sistemi, a partire da quello ministeriale. Si pensi a marzo 2018 il Comune di Pistoia ha inviato ad una conferenza internazionale dell’UNESCO a Parigi un suo rappresentante a illustrare le peculiarità delle nostre scuole per l’infanzia. Ci chiediamo: con quale coerenza?

 

Certo i soldi contano. Vale tanto per un’amministrazione quanto per una famiglia normale. Quando si riflette sulle spese da fare, arriva per tutti il momento di fissare le giuste priorità. In quel preciso istante ci guardiamo negli occhi e diciamo a noi stessi chi vogliamo essere, come intendiamo educare i nostri figli, come osservare il mondo e progettare il futuro.

È una promessa che definisce una parte essenziale della nostra identità. Ecco perché ci battiamo affinché questa eredità delle scuole comunali, tramandataci da coloro che, tanti anni fa, con lungimiranza e tenacia, fecero uno straordinario investimento a lungo termine nell’educazione, sia mantenuta e trasmessa a chi verrà dopo di noi.

Il Comune non può e non deve viverla come una zavorra di cui liberarsi un pezzo alla volta, meglio se non destando troppo clamore.

Deve esserne orgoglioso. Noi non ci fermeremo e chiediamo a tutti – cittadini, associazioni, forze politiche – di darci una mano.

Fonte: Comitato di gestione della Scuola per l’Infanzia Bruno Ciari
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: