Skin ADV
La Voce di Pistoia
  • 03:02 - 22/2/2019
  • 535 utenti online
  • 77600 visite ieri
  • [protetta]
  • Cerca:
In evidenza:  
PODISMO

Continua il momento positivo della “SILVANO FEDI” che marcia alla grande per un 2019 già denso di successi (giunti a quota 45). All’Abetone, biancorossi in grande spolvero alla “Snow Run”, con vittoria di società, 1^ piazza di Manuela Bacci fra le “Ladies”

CHITI SCHERMA

Si è infatti classificata al 9° posto su un lotto di oltre 100 partecipanti provenienti da molti paesi, compresi Giappone, Hong Kong, Stati Uniti e Australia. Il girone di qualificazione chiuso senza sconfitte le ha consentito di ottenere la seconda testa di serie nel tabellone ad eliminazione diretta

BASKET

"La squadra è stata fin da subito informata, ma ha immediatamente compreso che, non potendo avere nessun tipo di controllo su questa situazione, non aveva senso stare a pensarci. E così onestamente è stato -prosegue il coach- e non ho visto da parte dei ragazzi nessun condizionamento sul piano mentale".

CHITI SCHERMA

lla terza prova del circuito nazionale disputatasi a Bologna gli atleti della Chiti hanno portato a casa due vittorie nelle gare di spada. Nella categoria under 40, una sorta di categoria “ponte” fra gli under 23 e gli over 40, si è imposto Marco Gori

BASKET

Alessandro Ramagli con i suoi ragazzi, sarà atteso lunedì sera dal difficilissimo esame contro la capolista Armani Milano. "Sarà una partita in cui servirà grande forza mentale per vivere il match possesso dopo possesso"

MTB

In partenza la griglia d’onore sarà riservata alla partecipazione femminile. Sul palco Premio Speciale alla società con maggior numero di cicliste al via

BASKET

Giornata di vigilia in casa OriOra. I biancorossi completano oggi la preparazione in vista della difficilissima sfida di domani in casa della Reyer Venezia, in un match che sulla carta appare davvero proibitivo

HC PISTOIA

I ragazzi mostrano di aver fatto notevoli progressi grazie alle cure di Mister Treno, sono cresciute le loro capacità tecniche ma soprattutto ampi passi avanti nella tenuta mentale. Grande emozione e soddisfazione nel settore femminile: il gruppo è composto da atlete appassionate e che non si tirano indietro sul lavoro da fare

TEATRO

Ancora la musica protagonista nella stagione del Manzoni di Pistoia che ospita dal 22 al 24 febbraio, in prima regionale, Don Giovanni di Mozart secondo l'Orchestra di Piazza Vittorio. Torna quindi a Pistoia l'Orchestra più multietnica d'Italia

LIBRI

Nel giorno della Candelora, quando per tradizione il Vescovo  di Pistoia benedice i  pellegrini che si preparano a partire per Santiago di Compostella, c'è stato un incontro nella Libreria "Terra Santa" di Milano

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Con "Pistoia Minimal" si rinnova la missione di scoprire di valorizzare le bellezze artistiche 'della porta accanto'. L'obiettivo è far scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un'indicazione sul luogo dello scatto

POESIA

Il poeta Fabio Strinati dedica alcuni appassionati versi alla nostra città

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Con "Pistoia Minimal" si rinnova la missione di scoprire di valorizzare le bellezze artistiche 'della porta accanto'. L'obiettivo è far scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un'indicazione sul luogo dello scatto

PREMIO CEPPO

Nell’ambito del 63° Premio Letterario Internazionale Ceppo Pistoia (patrocinio Mibac), Paola Zannoner è la vincitrice del Premio Ceppo per l’Infanzia e l’Adolescenza 2019. Premiazione l’8 febbraio 2019 a Pistoia

STORIA

Notizie dall'Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea di Pistoia e tutte le prossime iniziative

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Con "Pistoia Minimal" si rinnova la missione di scoprire di valorizzare le bellezze artistiche 'della porta accanto'. L'obiettivo è far scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un'indicazione sul luogo dello scatto

Non ho bisogno di te, ho voglia di te. vita mia
Non .....
Mai sarebbe andata,
ma in qualche modo
lasciai .....
Dal libro
"PER MIA FORTUNA, AMANDO, MI SONO ROVINATO .....
Il consenso delle stelle

Esiste una favola vera
dove .....
Randstad Italia Spa

Ricerca

per ALIA Servizi Ambientali .....
Randstad Italia Spa
Filiale di Lucca
Tel. : 0583 330111

Ricerca .....
Ho avuto i domiciliari per piccoli problemi con la legge. con .....
Certificazione Internazionale di Yoga della Risata con Andrea .....
Pistoia
Quarrata
Quarrata; Serravalle
Serravalle P.se
Quarrata
Montale
Serravalle P.se
Pistoia
MOSTRA
Umberto Buscioni - L'anima segreta delle cose

30/11/2018 - 16:16

UMBERTO BUSCIONI | L'ANIMA SEGRETA DELLE COSE

Palazzo Fabroni – Pistoia

2 dicembre 2018 – 27 gennaio 2019

Inaugurazione sabato 1° dicembre, ore 18.00

A Palazzo Fabroni - Museo del Novecento e del Contemporaneo di Pistoia la mostra UMBERTO BUSCIONI | L'ANIMA SEGRETA DELLE COSE - realizzata dal Comune di Pistoia/Palazzo Fabroni con il sostegno determinante della Regione Toscana nell'ambito del progetto “Toscanaincontemporanea2018”, e con il contributo di Chianti Banca e della Fondazione Banca Alta Toscana, e curata da Gabi Scardi - sarà inaugurata sabato 1° dicembre, alle ore 18.00, e resterà aperta al pubblico fino al 27 gennaio 2019.

La rassegna si configura come un excursus dell'ampia attività dell'artista, oltre un quarto di secolo dopo l'importante antologica che si tenne, sempre a Palazzo Fabroni, nel 1992.

Riunendo circa 40 opere realizzate in periodi diversi, afferenti a vari momenti e serie della sua produzione - dalle sperimentazioni iniziali legate alla “Scuola di Pistoia”, e dunque alla cultura pop di quel periodo, fino agli sviluppi degli ultimi anni - la rassegna evidenzia il profondo legame di Buscioni con l’espressione pittorica, che egli non abbandonò mai, neanche quando la ricerca artistica internazionale si orientò verso sperimentazioni concettuali e performative.

Allo scopo di presentare con l'ampiezza che merita l'attività di Buscioni nel suo complesso, rispecchiandone il radicamento in città, la mostra costituisce altresì l'occasione per intrecciare un dialogo stringente fra le opere esposte temporaneamente a Palazzo Fabroni, il dipinto Aiuto! Le bottiglie (1968) nella collezione permanente del museo e le vetrate della chiesa pistoiese di San Paolo (1989/1991 – 2017), oltre che con i due grandi timpani istoriati per l’atelier dell’Areabambini Blu (2002). 

Nota biografica

Umberto Buscioni nasce a Bonelle (Pistoia) nel 1931.  Dal 1981 vive e lavora  a Serravalle Pistoiese, e dal 2016 anche a Pistoia a due passi dalla chiesa di Sant’Andrea. È stato titolare della cattedra di Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara (con una parentesi accademica fiorentina nel ’95-’96), tra il 1980 e il 1998.

Si dedica a tempo pieno alla pittura dai primi anni Sessanta, scelta che diventa decisiva con il soggiorno in Marocco, insieme alla moglie Bianca, tra il 1963 e il 1964. Le opere prodotte in questi anni sono ancora di ascendenza informale, ma in quelle marocchine la figurazione è già più allusiva a una natura riconoscibile. Il rientro dal Marocco vede una nuova fase dell’opera di Buscioni, ritrova infatti gli amici Roberto Barni, Gianni Ruffi e Adolfo Natalini e nel 1966 entra ufficialmente a far parte di quella che Cesare Vivaldi definì Scuola di Pistoia, che nel frattempo Natalini aveva lasciato per dedicarsi all’architettura. La Scuola di Pistoia è stata una delle più interessanti risposte italiane alla Pop Art. A questo proposito si ricorda la mostra di New York, Selected Artists Galleries del 1968. Gli oggetti rappresentati sono oggetti comuni, che hanno un rapporto intimo con l’artista, trasportati in un clima di sospensione, magico, in cui una luce mentale è protagonista. Anche le moto che rappresenta, e che non ha “mai posseduto né saputo guidare” sono oggetti che l’artista sogna sfogliando un dèpliant pubblicitario. Una particolare attenzione è rivolta alle stoffe, all’involucro, alla superficie delle cose: le cravatte, le camicie e le giacche protagoniste delle opere sono irrigidite da righe e pieghe, che le rendono autonome dalla figura umana.

Nell’opera di Buscioni la pittura resta sempre indiscussa protagonista, anche negli anni in cui la ricerca artistica internazionale si orienta verso gli orizzonti del concettuale e del comportamento. «La pittura (quella rara che c’è) non segue le mode, è nel presente e va al di là di tutto».

Nei primi anni Settanta la visione sull’oggetto si fa più ravvicinata, e con un gesto analitico riproduce i particolari di quelle stesse pieghe e di quelle stoffe, texture e superfici marmoree in una sintesi quasi astratta. Il riferimento alla pittura manierista pervade la ricerca di Buscioni a partire dagli ultimi anni Settanta, fino ad arrivare a esplicite citazioni soprattutto di Pontormo e Salviati ma è evidente anche una certa sintonia con l’ansia metafisica di De Chirico.

Negli anni Ottanta si fa sempre più forte l’attenzione nei confronti di temi biblici e sacri, con l’apparizione di visioni quasi mistiche di santi e angeli in caduta, le cui stoffe si gonfiano durante i voli e le  ascensioni, arrivando persino a incendiarsi. Nel cielo appaiono tenebre e atmosferismi lontani dalla luce cristallina degli anni Sessanta. Anche quando ricompaiono alcuni oggetti della dimensione privata e quotidiana, vengono  rievocati attraverso sguardi e tonalità più intimi e riflessivi. La figura umana torna ad abitare gli spazi e a riempire le stoffe, anch’essa carica di energia, accesa da fuochi e tormentata dalle ombre.

Gli elementi del quotidiano tornano ad affacciarsi dagli Novanta, in una dimensione tra realtà e riflesso in cui le ombre evocano figure e creano composizioni al limite di un equilibrio nel quale si incastrano ante, specchi, finestre e tornano, mano a mano, sulla scena tutti gli oggetti del campionario buscioniano, dalle giacche alle grucce, dalle camicie alla sedia e le cravatte.

Anche il disegno accompagna l’intero percorso di Buscioni (alcuni disegni sono conservati al Gabinetto di Disegni e Stampe degli Uffizi) e di non minore interesse sono le vetrate artistiche; da ricordare, tra le altre, le vetrate della chiesa di San Paolo a Pistoia, i due timpani istoriati Il giorno e la sera à rebours per l’atelier Area blu di Pistoia e le tre lunette da Cantico dei Cantici per l’Oratorio della Chiesanuova di Prato.

Sue opere sono state esposte (e molte permanentemente figurano) in numerosi musei. Si segnalano: Palazzo dei Diamanti (Ferrara); Palazzo Fabroni (Pistoia); Palazzo Strozzi (Firenze); Palazzo Pitti (Firenze); Centro Pecci (Prato).

I legami con la sua Bonelle e i compagni di avventure (artistiche e non) insieme alla sua raffinata sensibilità si riscontrano in molti appunti e lettere di cui sono testimonianza il Glossario, con una prefazione di Mario Luzi, ma anche la corrispondenza tra Umberto Buscioni e l’architetto Adolfo Natalini, amico di una vita,  raccolta in due volumi: Un epistolario dell’anima, Lettere 1991-2002, e Altre lettere e racconti 2002-2013. Con il poeta Roberto Carifi ha pubblicato il libro Figure dell’abbandono.

Tra gli altri hanno scritto di lui: Cesare Vivaldi; Renato Barilli; Enrico Crispolti; Antonio del Guercio; Giorgio Di Genova; Maria Luisa Frisa; Lara Vinca Masini; Carlos Franqui; James Beck; Maurizio Calvesi. 

Per bibliografia, pubblicazioni e mostre personali e collettive, si rinvia al sito web umbertobuscioni.it

Sede: Palazzo Fabroni, via Sant’Andrea 18 – Pistoia

Periodo: 2 dicembre 2018 – 27 gennaio 2019

Inaugurazione: sabato 1° dicembre, ore 18.00

Orari: dal martedì al venerdì ore 10.00/14.00; sabato, domenica, lunedì 24 e 31 dicembre e festivi (8 dicembre, 26 dicembre, 6 gennaio) ore 10.00/18.00 | Natale e Capodanno ore 16.00/19.00 | chiuso il lunedì

Biglietti d’ingresso (comprensivi anche della visita alla collezione permanente di Palazzo Fabroni):  intero € 3,50 - ridotto € 2,00

Catalogo: Gli Ori - € 18.00

Per informazioni 

tel. 0573 371214

sito web: musei.comune.pistoia.it

 



Didascalie e crediti fotografici

Sul filo di lana (1967)

olio e smalto su tela, cm 80 x 85

collezione privata

foto Aurelio Amendola


Aiuto! Le bottiglie (1968)

olio e su tela, cm 170 x 130

Palazzo Fabroni, Pistoia

foto Aurelio Amendola


Nostre ombre – sera (1991)

olio su tela, cm 200 x 250

collezione del Centro Pecci, Prato – donazione di Carlo Palli

foto Aurelio Amendola


Cappotto dei nostri inverni (2014)

olio su tela, cm 170 x 130

collezione privata
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: