Skin ADV
La Voce di Pistoia
  • 12:12 - 10/12/2018
  • 534 utenti online
  • 31257 visite ieri
  • [protetta]
  • Cerca:
In evidenza:  
BASKET

Conferenza stampa pre-gara per coach Ramagli, che così presenta gli avversari di oggi al PalaCarrara: "Brescia è una squadra molto rinnovata, ma facile da presentare: tre giocatori della Nazionale, Vitali, Abass e Sacchetti, due giocatori che l'NBA l'hanno giocata per davvero e che però in Europa hanno avuto stagioni diverse fra loro.

CHITI SCHERMA

Inizia bene la stagione per gli schermitori master pistoiesi. Nelle prime due prove del circuito nazionale che porterà gli schermitori “diversamente giovani” all’europeo di maggio a Cognac e, per chi rientrerà fra i quattro migliori italiani, al mondiale del Cairo, i colori pistoiesi si sono fatti valere

ATLETICA

Nella 24° edizione del trofeo la società pistoiese si è imposta nella classifica generale, ma riconoscimenti sono arrivati anche a livello individuale. La premiazione è avvenuta presso la sede della Misericordia di Casalguidi

CHITI SCHERMA

Grande inizio di stagione per gli under 14 della Chiti Scherma che alla prima prova della fase interregionale del trofeo Kinder +Sport ha colto alcuni importanti successi, a partire dal prestigioso en-plein conquistato nella categoria allievi (2005/2006)

ATLETICA

Al via i corsi di avviamento all’atletica leggera per bambini e ragazzi dai 4 ai 15 anni: ecco tutti gli orari ed i referenti da contattare per chi fosse interessato

CHITI SCHERMA

La vittoria di Marco Gori nella prova regionale di qualificazione ai campionati italiani assoluti ha certamente un sapore particolare, visto che la gara, disputatasi nel palazzetto di Casalguidi, ha segnato il rientro alle competizioni del forte atleta pistoiese a sei mesi dalla rottura del legamento crociato

BASKET

Prima conferenza stampa pre-gara per coach Alessandro Ramagli nella sua avventura pistoiese. Il tecnico labronico ha incontrato i giornalisti questa mattina, prima della partenza per Pesaro, per presentare la sfida di domani dell'Adriatic Arena: "Affrontiamo una squadra - ha spiegato il coach- la cui impronta è data fortemente dai cinque stranieri". 

HOCKEY

La società ha messo a disposizione del gruppo il tecnico Filippo Treno con l’obbiettivo i far crescere i ragazzi mettendosi subito al lavoro ma ancora c’è da colmare il gap tecnico

MUSICA

Protagonista dell’inaugurazione della Stagione sabato 12 gennaio (ore 21) il celebre Quartetto Jerusalem, costituito da quattro musicisti israeliani che hanno intrapreso un viaggio di crescita e maturazione che li ha portati ad avere un vasto repertorio

LIBRI

Rileggendo materiale archivistico e documentale, l’opera è un percorso cronologico sulla storia della città delle origini fino alla Latina città nuova degli ultimi decenni, scevra da pregiudizi ideologici ma considerando il contesto sociale ed economico

MOSTRA

Giovedì 6 dicembre alle 17.30 nella biblioteca San Giorgio sarà inaugurata la mostra di Paolo Tesi dal titolo Lontano dalle gabbie. Paolo Tesi è un artista pistoiese della generazione che segue da vicino quella “di mezzo”

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Con "Pistoia Minimal" si rinnova la missione di scoprire di valorizzare le bellezze artistiche 'della porta accanto'. L'obiettivo è far scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un'indicazione sul luogo dello scatto

MOSTRA

Non poteva che innamorarsi di un luogo così connotato dal lavoro quotidiano un artista come Giovanni Termini, che incentra il proprio intervento artistico in relazione al contesto in cui l'opera prenderà vita

PREMIO CEPPO PISTOIA

Giovedì 6 dicembre 2018 alle ore 16:30 presso la libreria Spazio di Via dell’Ospizio di Pistoia, lo scrittore riceverà il Premio Ceppo Internazionale Fiction Non Fiction 2019 alla carriera da un rappresentante della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia

MOSTRA

La rassegna si configura come un excursus dell'ampia attività dell'artista, oltre un quarto di secolo dopo l'importante antologica che si tenne, sempre a Palazzo Fabroni, nel 1992

STORIA

Le prossime iniziative promosse dall'Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Pistoia

Non ho bisogno di te, ho voglia di te. vita mia
Non .....
Mai sarebbe andata,
ma in qualche modo
lasciai .....
Dal libro
"PER MIA FORTUNA, AMANDO, MI SONO ROVINATO .....
Il consenso delle stelle

Esiste una favola vera
dove .....
Randstad Italia Spa

Ricerca

per ALIA Servizi Ambientali .....
Randstad Italia Spa
Filiale di Lucca
Tel. : 0583 330111

Ricerca .....
Ho avuto i domiciliari per piccoli problemi con la legge. con .....
Certificazione Internazionale di Yoga della Risata con Andrea .....
Pistoia
Pistoia
Montale
Montale
Quarrata
Serravalle P.se
Serravalle P.se
Serravalle p.se
MOSTRA
Artistikamente espone le opere di Mogol

6/10/2018 - 9:17

Da sabato 6 al 21 ottobre ArtistikaMente espone tre artisti fra i massimi rappresentanti  dell’arte contemporanea : ALFREDO RAPETTI MOGOL,  GIUSEPPE CHIARI, BERNARD AUBERTIN
La "pittoscrittura di Alfredo Rapetti Mogol, la "musica visiva" di Giuseppe Chiari, il "pyroman" Bernard Aubertin, (artista tra i fondatori del "guppo Zero" di Dusseldorf), eccezionalmente per tre settimane a Pistoia presso ArtistikaMente, con 25 opere. Apertura Sabato 6 Ottobre alle ore 18:00


ARTISTIKAMENTE Largo San Biagio, 53, Pistoia

Aperto dal LUNEDÌ al SABATO dalle 15.30 alle 19.00

GIUSEPPE CHIARI
Giuseppe Chiari (Firenze 1926 – 2007) è un artista, musicista italiano. E' l'esponente italiano del movimento artistico internazionale Fluxus. Negli anni 60' inizia le sue sperimentazioni, tra cui gli elaborati fondati sulla componente grafica della scrittura musicale. Composizioni non più fatte per essere eseguite - ascoltate ma osservate. Numerose le sue performances e concerti in tutto il mondo, Dagli anni 80' agli spartiti si affiancano i collage, composizioni con strumenti musicali.
All'interno del gruppo Fluxus sperimenta il concetto di "musica visiva" combinando l'arte visiva e musicale in un continum dove la musica si caratterizza per la sua componente visiva. "Sul fronte delle arti visive l'astrattismo e il concettuale conquistano irreversibilmente l'incorporeità tipica dell'espressione musicale.
Sue opere sono conservate in numerosi musei: nella collezione permanente di Palazzo Fabroni a Pistoia l'opera Art is to say della collezione Palli al Museo Novecento di Firenze, varie opere al Museo sperimentale d'arte contemporanea dell'Aquila e al MAMBO di Bologna.
 
ALFREDO RAPETTI MOGOL
Alfredo Rapetti (Milano, 1961).
La formazione del pittore è avviata dal nonno materno, Alfredo De Pedrini, Presidente dell'Associazione Arti Grafiche, che gli consente di frequentare molti pittori milanesi. La sua attività pittorica inizia tra gli anni 60-70, a sedici anni frequenta per due anni la scuola del Fumetto a Milano elaborando tecniche e stili diversi. A partire dal 1966 per quattro anni lavora con i maestri Alessandro Algardi e Mario Arlati, nel loro studio di via Nota, dove ha l'occasione per coniugare le sue due grandi passioni, pittura e scrittura. La sua opera va dunque a elaborare un aspetto mentale e psicologico al contempo. La tecnica utilizzata è quella dell'imputura che realizza la fusione tra linguaggio verbale e pittorico trasferendo le parole su tela. Si può dunque parlare di una "scrittura pittorica": dal 1998 ha inizio un lavoro di collaborazione per il fotografo Fabrizio Ferri e dal 1999 espone le sue opere in numerose mostre personali e collettive che riscontrano grande successo tra la critica. Meritevoli di menzione tra le mostre collettive quelle svoltesi presso il Museo della Permanente di Milano, presso il Salon d'Automne, l'Espace Charenton e Grand Palais di Parigi, presso il M'ARS Contemporary Art Museum, presso Palazzo Strozzi di Firenze e presso il Riga Foreign Art Museum di Riga. Tra le mostre personali quelle presso la Galleria Cà d'Oro di Roma, presso la Fondazione KPMG di Berlino, presso la Galleria Maretti Arte MOnaco di Montecarlo, presso Villa Olmo di Como, presso l'Albergo della Rovere di Palermo e presso la Certosa di San Lorenzo a Padula di Salerno.   
 
BERNARD AUBERTIN
Bernard Aubertin nasce a Fontenay-aux-Roses nel 1934. Compiuti gli studi presso la Scuola Statale di Decorazione, da autodidatta, si avvicina al cubismo ed al futurismo. Fondamentale fu il suo incontro nel 1957 con Yves Klein; dall’anno successivo, infatti, darà inizio alla creazione delle sue celebri tele monocrome. Aubertin inizia la sua storia di pittore monocromo realizzando i suoi primi "rouge total". Le ricerche dell’artista si focalizzano dapprima sul colore rosso, inteso come fuoco, energia. Realizza i cosiddetti Tableaux Feu (quadri fuoco), animando tele monocrome rosse, con chiodi (Tableaux Clous), fil di ferro (Tableaux Fil de Fer), fiammiferi (Parcours d’Allumettes) e svariati materiali, dai ceri, alle reti di ferro.
Bernard Aubertin, partecipa appieno al fervore di rinnovamento artistico degli anni Sessanta e fu tra gli animatori del “Gruppo Zero” di Düsseldorf  con Heinz Mack, Otto Piene e Günther Uecker. Il colore rosso è la base di tutte le sue opere, tinta intimamente legata all'elemento del fuoco, utilizzato come strumento di intervento sulle opere stesse che conquistano una nuova dimensione spaziale.
Nella serie Dessins de Feu sur Papier lo spazio fisico del foglio viene attraversato da cerini che imprimono tracce sulla superficie, dando così vita a nuove forme.
Nella serie Fer Brûlé, invce, la fiamma agisce su lamiere metalliche che, nei punti corrosi dal fuoco, svelano il tipico fondo rosso, che diviene una nuova forma dai contorni quasi grafici disegnati proprio dal fuoco stesso.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: