Skin ADV
La Voce di Pistoia
  • 17:05 - 26/5/2019
  • 504 utenti online
  • 24915 visite ieri
  • [protetta]
  • Cerca:
In evidenza:  
ATLETA DELL'ANNO

Quest’anno il titolo principale è andato Giulia Gabbrielleschi, una nuotatrice già bronzo mondiale e argento europeo, attualmente convocata nella nazionale italiana per le qualificazioni al mondiale del prossimo luglio

MTB

I ciclisti della decima edizione saranno invitati a fermarsi ai ristori, situati in sette punti lungo i quattro percorsi Strada e uno Mountain Bike, per reintegrare i liquidi persi e assaggiare prodotti locali, ma non finisce qui...

SCHERMA

Resta comunque un 4° posto di tutto rispetto che lascia la compagine pistoiese ai vertici nazionali. E ora tocca alle ragazze, che a giugno a Palermo dovranno lottare per conquistare la salvezza in serie A/1.

BILIARDO

Si ritorna in Italia e più precisamente a Pistoia. Il palazzetto dello sport cittadino, il PalaCarrara, ospiterà i biliardi sui quali si disputeranno le fasi finali della rassegna Iridata, giunta alla sua 24° edizione

CALCIO

È con profonda amarezza che dobbiamo purtroppo prendere atto che il calcio a Pistoia sta vivendo uno dei periodi più bui della sua storia quasi centenaria: eppure siamo nella terza serie professionistica nazionale e, almeno finora, non abbiamo corso seri pericoli di retrocessione

BASKET

"Con i giocatori ho toccato spesso il tasto dell'amor proprio: la situazione è difficilissima, ma finire al meglio la stagione, anche sul piano individuale, può per ognuno di loro essere importante anche per il futuro. Proverò a far sì che i ragazzi prendano questo aspetto di natura personale per mettere insieme una buona prova di squadra"

ATLETICA

I migliori lanciatori over 35 d'Italia si sono dati appuntamento al campo scuola il 27 e 28 aprile scorsi. Pistoia sede di fiducia della FIDAL 

BASKET

Anche se virtualmente poi dovremo aspettare i risultati di domenica, non sono abituato a buttare la palla in tribuna: mi sembra evidente che per la situazione in cui siamo, per la classifica e per i numeri, domani è la nostra ultima chance

DIALOGHI SULL'UOMO

Vandana Shiva, fisica ed economista indiana, è tra i massimi esperti internazionali di ecologia sociale. Dirige la Research Foundation for Science, Technology, and Natural Resource Policy di Dehradun, in India.

Fernando Aramburu ai Dialoghi sull'Uomo

La difficoltà di convivere, l’odio, la vendetta sono da sempre temi centrali della letteratura di tutti i tempi. Lo sono anche del romanzo Patria e dei racconti di Dopo le fiamme di Fernando Aramburu, uno degli scrittori più amati degli ultimi anni

ARTE

Domenica 12 maggio dalle ore 17, presso Lo Spazio di via dell’ospizio, verrà inaugurata la mostra di disegni di Alessandro Sarteschi, "Imprendibile orizzonte".

TEATRO

Asciutto e sincero, empatico e semplice, costruito con l'amichevole supervisione de Gli Omini, Passo dopo arriva in Segheria, con una chitarra, una voce e un pianoforte

POESIA

Venerdì 10 maggio SassiScritti organizza a Pistoia Le cose illuminate una passeggiata poetica e musicale per ricordare Sergio Salabelle che, attraverso la libreria Les Bouquinistes ha costruito un centro di cultura e aggregazione importante per la città

STORIA

25 APRILE 2019 Festa di Liberazione, omaggio alla Resistenza Ore 11 - Piazza della Resistenza – Pistoia - Cerimonia al monumento ai caduti. Ore 12 – Piazza del Duomo – Pistoia - Concerto Bande. Organizzata da CUDIR Pistoia.

MOSTRA

Proseguirà nel Battistero di San Giovanni in Corte fino a domenica 2 giugno 2019 (apertura tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 18) l'esposizione del Crocifisso di Jorio Vivarelli, insieme alle fotografie di Aurelio Amendola

TEATRO

La compagnia de Gli Omini lancia gli ultimi appuntamenti che completeranno la micro-stagione di spettacoli cominciata a gennaio 2019 in Segheria, lo spazio pistoiese in zona Sant’Agostino

Non ho bisogno di te, ho voglia di te. vita mia
Non .....
Mai sarebbe andata,
ma in qualche modo
lasciai .....
Dal libro
"PER MIA FORTUNA, AMANDO, MI SONO ROVINATO .....
Il consenso delle stelle

Esiste una favola vera
dove .....
Il mio amico francesco Nesci, reduce da un ischemia nel 2017, .....
Il mio amico francesco Nesci, reduce da un ischemia nel 2017, .....
Pescia, centro storico, 3° piano.
Tre vani e ½ di mq. 60 .....
Randstad Italia Spa

Ricerca

per ALIA Servizi Ambientali .....
MOSTRA
Artistikamente espone le opere di Mogol

6/10/2018 - 9:17

Da sabato 6 al 21 ottobre ArtistikaMente espone tre artisti fra i massimi rappresentanti  dell’arte contemporanea : ALFREDO RAPETTI MOGOL,  GIUSEPPE CHIARI, BERNARD AUBERTIN
La "pittoscrittura di Alfredo Rapetti Mogol, la "musica visiva" di Giuseppe Chiari, il "pyroman" Bernard Aubertin, (artista tra i fondatori del "guppo Zero" di Dusseldorf), eccezionalmente per tre settimane a Pistoia presso ArtistikaMente, con 25 opere. Apertura Sabato 6 Ottobre alle ore 18:00


ARTISTIKAMENTE Largo San Biagio, 53, Pistoia

Aperto dal LUNEDÌ al SABATO dalle 15.30 alle 19.00

GIUSEPPE CHIARI
Giuseppe Chiari (Firenze 1926 – 2007) è un artista, musicista italiano. E' l'esponente italiano del movimento artistico internazionale Fluxus. Negli anni 60' inizia le sue sperimentazioni, tra cui gli elaborati fondati sulla componente grafica della scrittura musicale. Composizioni non più fatte per essere eseguite - ascoltate ma osservate. Numerose le sue performances e concerti in tutto il mondo, Dagli anni 80' agli spartiti si affiancano i collage, composizioni con strumenti musicali.
All'interno del gruppo Fluxus sperimenta il concetto di "musica visiva" combinando l'arte visiva e musicale in un continum dove la musica si caratterizza per la sua componente visiva. "Sul fronte delle arti visive l'astrattismo e il concettuale conquistano irreversibilmente l'incorporeità tipica dell'espressione musicale.
Sue opere sono conservate in numerosi musei: nella collezione permanente di Palazzo Fabroni a Pistoia l'opera Art is to say della collezione Palli al Museo Novecento di Firenze, varie opere al Museo sperimentale d'arte contemporanea dell'Aquila e al MAMBO di Bologna.
 
ALFREDO RAPETTI MOGOL
Alfredo Rapetti (Milano, 1961).
La formazione del pittore è avviata dal nonno materno, Alfredo De Pedrini, Presidente dell'Associazione Arti Grafiche, che gli consente di frequentare molti pittori milanesi. La sua attività pittorica inizia tra gli anni 60-70, a sedici anni frequenta per due anni la scuola del Fumetto a Milano elaborando tecniche e stili diversi. A partire dal 1966 per quattro anni lavora con i maestri Alessandro Algardi e Mario Arlati, nel loro studio di via Nota, dove ha l'occasione per coniugare le sue due grandi passioni, pittura e scrittura. La sua opera va dunque a elaborare un aspetto mentale e psicologico al contempo. La tecnica utilizzata è quella dell'imputura che realizza la fusione tra linguaggio verbale e pittorico trasferendo le parole su tela. Si può dunque parlare di una "scrittura pittorica": dal 1998 ha inizio un lavoro di collaborazione per il fotografo Fabrizio Ferri e dal 1999 espone le sue opere in numerose mostre personali e collettive che riscontrano grande successo tra la critica. Meritevoli di menzione tra le mostre collettive quelle svoltesi presso il Museo della Permanente di Milano, presso il Salon d'Automne, l'Espace Charenton e Grand Palais di Parigi, presso il M'ARS Contemporary Art Museum, presso Palazzo Strozzi di Firenze e presso il Riga Foreign Art Museum di Riga. Tra le mostre personali quelle presso la Galleria Cà d'Oro di Roma, presso la Fondazione KPMG di Berlino, presso la Galleria Maretti Arte MOnaco di Montecarlo, presso Villa Olmo di Como, presso l'Albergo della Rovere di Palermo e presso la Certosa di San Lorenzo a Padula di Salerno.   
 
BERNARD AUBERTIN
Bernard Aubertin nasce a Fontenay-aux-Roses nel 1934. Compiuti gli studi presso la Scuola Statale di Decorazione, da autodidatta, si avvicina al cubismo ed al futurismo. Fondamentale fu il suo incontro nel 1957 con Yves Klein; dall’anno successivo, infatti, darà inizio alla creazione delle sue celebri tele monocrome. Aubertin inizia la sua storia di pittore monocromo realizzando i suoi primi "rouge total". Le ricerche dell’artista si focalizzano dapprima sul colore rosso, inteso come fuoco, energia. Realizza i cosiddetti Tableaux Feu (quadri fuoco), animando tele monocrome rosse, con chiodi (Tableaux Clous), fil di ferro (Tableaux Fil de Fer), fiammiferi (Parcours d’Allumettes) e svariati materiali, dai ceri, alle reti di ferro.
Bernard Aubertin, partecipa appieno al fervore di rinnovamento artistico degli anni Sessanta e fu tra gli animatori del “Gruppo Zero” di Düsseldorf  con Heinz Mack, Otto Piene e Günther Uecker. Il colore rosso è la base di tutte le sue opere, tinta intimamente legata all'elemento del fuoco, utilizzato come strumento di intervento sulle opere stesse che conquistano una nuova dimensione spaziale.
Nella serie Dessins de Feu sur Papier lo spazio fisico del foglio viene attraversato da cerini che imprimono tracce sulla superficie, dando così vita a nuove forme.
Nella serie Fer Brûlé, invce, la fiamma agisce su lamiere metalliche che, nei punti corrosi dal fuoco, svelano il tipico fondo rosso, che diviene una nuova forma dai contorni quasi grafici disegnati proprio dal fuoco stesso.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: