Skin ADV
La Voce di Pistoia
  • 00:01 - 23/1/2019
  • 640 utenti online
  • 29582 visite ieri
  • [protetta]
  • Cerca:
In evidenza:  
HC PISTOIA

I ragazzi mostrano di aver fatto notevoli progressi grazie alle cure di Mister Treno, sono cresciute le loro capacità tecniche ma soprattutto ampi passi avanti nella tenuta mentale. Grande emozione e soddisfazione nel settore femminile: il gruppo è composto da atlete appassionate e che non si tirano indietro sul lavoro da fare

MTB

Tantissime le novità a partire dalle modifiche ai percorsi: Reinserimento del Passo dell’Abetone. Il ristoro di Spignana per i percorsi del Medio, Fondo e Gran Fondo. Due i tratti sterrati. Nuovo tratto cronometrato. Inedito e spettacolare percorso MTB

BASKET

"C'è solo una cosa da fare domenica: vincere -spiega il playmaker pistoiese- anche perché inizia il girone di ritorno e ora tutte le partite saranno fondamentali. Sarà importante entrare in campo con la testa giusta e pronti a dare battaglia come se non ci fosse un domani"

MTB

Sulla maglia del decennio, realizzata con tessuti microforati dal Maglificio Rosti, figura l’opera di Alice Nigro, studentessa della 3° G del Liceo Artistico Petrocchi, vincitrice del 5° Concorso di Pittura promosso da Avis Bike Pistoia

SPADA

Arriva dalle pedane di L'Avana il primo podio in carriera per Nicol Foietta. La spadista pistoiese classe 1995 conquista infatti il terzo posto al termine della tappa cubana del circuito di Coppa del Mondo di spada femminile.

BASKET

Amano giocare una pallacanestro controllata, perché hanno giocatori con un alto quoziente intellettivo cestistico, ma noi siamo reduci dalla partita molto positiva di una settimana fa con Varese e sappiamo che i punti per la salvezza possono essere trovati ovunque

BASKET

I biancorossi si impongono 71-65 contro la lanciatissima squadra lombarda. Grande prova di Dominique Johnson, autore di 26 punti, ma tutta la squadra ha mostrato la voglia giusta.

PODISMO

Nonostante il freddo pungente, 212 podisti si sono presentati al via della classica gara podistica a cronometro denominata <<Cronocaserana>> giunta alla ventunesima edizione e che si e corsa su di un percorso interamente pianeggiante nei dintorni dell frazione di Caserana nel comune di Quarrata (Pistoia).

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Con "Pistoia Minimal" si rinnova la missione di scoprire di valorizzare le bellezze artistiche 'della porta accanto'. L'obiettivo è far scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un'indicazione sul luogo dello scatto

CEPPO BIENNALE POESIA

Anna Dolfi e Lucia Fiaschi presentano il libro-opera di Piero Bigongiari Preludio senza fuga - Prélude sans fugue a cura di Paolo Fabrizio Iacuzzi realizzato dall'artista Andrea Dami

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Con "Pistoia Minimal" si rinnova la missione di scoprire di valorizzare le bellezze artistiche 'della porta accanto'. L'obiettivo è far scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un'indicazione sul luogo dello scatto

MOSTRA

Il progetto è realizzato con la tecnica della penna a sfera (BIC), qui arricchita con lumeggiature eseguite a matita bianca o acquerello. Una tecinica ancora poco diffusa, che offre all'artista l'opportunità di  arricchire il suo lavoro dal punto di vista tecnico ed espressivo

MUSICA E DANZA

La Scuola di Musica e Danza “T. Mabellini” di Pistoia saluta il nuovo anno con il lancio di 10 nuovi laboratori, affidati a qualificati docenti e aperti a varie fasce di pubblico, dai più piccoli agli adulti

TEATRO

Un bel cartellone, da gennaio a maggio, composto di cinque titoli in orario serale, protagonisti Francesco Bottai (ex Gatti Mézzi), Gli Omini, Elisabetta Salvatori, I Musici di Guccini e la coppia Lucrezia Guidone/ Martino D’Amico, diretti da Federico Tiezzi

PREMIO CEPPO

Maura Del Serra è la vincitrice del Premio Ceppo Poesia Pistoia Capitale della Poesia (vinto nel 2017 da Roberto Carifi) e sarà premiata domenica 24 marzo mattina alla Biblioteca San Giorgio durante la premiazione del Premio Ceppo Poesia

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Con "Pistoia Minimal" si rinnova la missione di scoprire di valorizzare le bellezze artistiche 'della porta accanto'. L'obiettivo è far scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un'indicazione sul luogo dello scatto

Non ho bisogno di te, ho voglia di te. vita mia
Non .....
Mai sarebbe andata,
ma in qualche modo
lasciai .....
Dal libro
"PER MIA FORTUNA, AMANDO, MI SONO ROVINATO .....
Il consenso delle stelle

Esiste una favola vera
dove .....
Randstad Italia Spa

Ricerca

per ALIA Servizi Ambientali .....
Randstad Italia Spa
Filiale di Lucca
Tel. : 0583 330111

Ricerca .....
Ho avuto i domiciliari per piccoli problemi con la legge. con .....
Certificazione Internazionale di Yoga della Risata con Andrea .....
PRACCHIA
Montagna, tanti concerti di musica classica (e non solo) nella rassegna "Pracchia in musica"

12/8/2018 - 19:19

Tornano, da giovedì 16 agosto, i concerti di Pracchia in Musica, rassegna di musica classica, ma non solo. Giunta alla sua quinta edizione, sempre con la direzione artistica di Alberto Spinelli, pianista, direttore, docente del Liceo musicale A. Bertolucci di Parma, “Pracchia in Musica” quest’anno si realizza anche grazie alla collaborazione con Transapp, l’associazione per la valorizzazione della ferrovia Porrettana. Per questo, a quanti del pubblico verranno ai concerti utilizzando il treno, sarà consegnato un piccolo ricordo dell’iniziativa (fino a esaurimento scorte). “Ci sembra bello collegare le potenzialità di un’attività culturale della montagna ad un mezzo di trasporto che ha innervato e innerva un territorio ricco di natura e storia” dice il direttore artistico. “Un treno per viaggiare,  per conoscere questi luoghi,  per ascoltare i concerti di Pracchia in musica che, nella valorizzazione e rilancio culturale della montagna, si può avvalere di un mezzo di trasporto suggestivo, naturale e rispettoso dell'ambiente”.


Giancarlo Capecchi, presidente dell’associazione Transapp commenta: “Il nostro impegno è tutto volto alla promozione dell’appennino, luogo ricco di potenzialità, ancora da scoprire. Siamo partiti dal treno, ma abbiamo organizzato tante altre iniziative, sempre per far conoscere questo territorio bellissimo e ricco di molteplici risorse che ci derivano da un passato di eccellenza, guardando verso il futuro. In quest’orizzonte s’inseriscono anche i concerti di Pracchia in Musica”.


Pracchia in Musica sarà quest’anno vedrà una forte presenza delle donne, nei programmi, con brani di rara esecuzione di compositrici, e tra le interpreti.
Il primo concerto, giovedì 16 agosto, nella chiesa di San Lorenzo a Pracchia (inizio ore 17,30, ingresso libero) s’intitola Sul filo degli affetti: Arianna e l'universo femminile e avrà come protagoniste Arianna Lanci, mezzosoprano, e Chiara Cattani, clavicembalo e fortepiano. Spiega Arianna Lanci: “Il programma prende avvio con il celebre lamento monteverdiano (Lamento di Arianna), che impose definitivamente il genere “lamento” come uno dei “topoi” più amati del teatro per musica, per poi riscoprire una cantata da camera di Alessandro Scarlatti in cui Arianna assume i tratti di una donna smarrita e spaesata, preda della passione più furente, ma capace infine di un autentico perdono atto a ristabilire una serenità d’animo risanatrice della rabbia e della disperazione nel trionfo di un sentimento amoroso estremo e totale. Altra situazione emotiva è quella dipinta entro un orizzonte musicale completamente diverso nella cantata di Haydn (Arianna a Naxos), in cui Arianna, trasognata e inconsapevole, prende solo gradualmente coscienza della sua condizione di abbandono vivendo un susseguirsi di passioni che sfociano nella rabbia e nel desiderio di vendetta del brano finale”.

 

Non ci sarà solo il canto. Racconta la clavicembalista Chiara Cattani: “Al canto delle diverse Arianne, si alterna una sezione strumentale dedicata a due compositrici donne, vere e proprie perle rare all’interno di un universo musicale quasi esclusivamente maschile: Elisabeth-Claude Jacquet de la Guerre e Anna Bon. Nata a Parigi nel 1666, Elisabeth-Claude Jacquet de la Guerre fu clavicembalista, organista e cantante virtuosa presso la corte del Re Sole, ma anche musicista indipendente al di fuori dall’ambiente regale. Vissuta invece nel pieno Settecento, Anna Bon, bolognese di origine, studiò viola a Venezia all’Ospedale della Pietà per poi lavorare, così come Haydn, presso la famosa corte degli Esterhazy”.


Quest’anno per la prima volta, la rassegna è presente all’Orsigna. Domenica 19 agosto, nella chiesa di S. Atanasio all’Orsigna, ore 20,30, suonerà il Duo Alchimia, Alessandra Ziveri e Alice Caradente, arpe. Arpe e dame, arpe e regine: i salotti parigini degli ultimi decenni dell’Ancien Régime risuonavano di dolci melodie plasmate dalle mani di fanciulle aristocratiche. Introdotta nella capitale dal tedesco Goepfert negli anni ’50 del Settecento,  l’arpa divenne lo strumento alla moda, la stessa Maria Antonietta seguì questa moda una volta giunta a Parigi: imparare a suonare l’arpa fu per lei un mezzo importante per diventare autenticamente francese.


Tra i numerosi compositori dell’epoca che scrissero duetti  per duo di arpe vi furono Hinner, Cardon e Naderman. Alla musica di questi autori è dedicato l’ultimo cd registrato dal Duo Alchimia, che ha lo stesso titolo della serata The Queens’ Harp. E proprio le loro musiche, raffinate e aristocratiche, saranno eseguite per Pracchia in Musica.
Entrambe laureate al Conservatorio di Musica “A. Boito” di Parma, Alice Caradente ed Alessandra Ziveri hanno fondato il duo d’arpe “Alchimia” con l’intento di proporre al pubblico un repertorio ampio, a volte inedito, a volte dimenticato. Dopo aver seguito Master e Corsi con docenti di fama internazionale, hanno approfondito questo tipo di repertorio cameristico ricercando ed eseguendo composizioni originali e trascrizioni, affrontate con profonda perizia stilistica. Hanno inciso il disco “Parafrasi Verdiane” edito da Cactus, interamente dedicato agli autori della scuola arpistica italiana dell’800 che composero appositamente per la formazione cameristica del duo d’arpe fantasie, divertimenti, pot-pourrì sulle arie più amate da Giuseppe Verdi. Hanno tenuto concerti per prestigiosi festival e rassegne: tra i più recenti il Festival di Bellagio e del Lago di Como, la Società dei Concerti di Milano, la Stagione Concertistica Bellunese, il Verdi Festival di Parma. Come Duo collaborano con diverse orchestre, strumentisti ed ensemble. Sono attive in ambito didattico insegnando Arpa e discipline musicali in scuole di Parma, Reggio Emilia e provincia.
 
Di tutt’altro carattere il terzo appuntamento, di nuovo a Pracchia, nel Salone della Misericordia. Giovedì 23 agosto, ore 17,30, il Bertolucci Young Stick Ensemble, formato dai migliori allievi della classe di percussioni del Liceo A. Bertolucci di Parma, capitanato dal loro insegnante, Roger Catino, direttore, concertista, compositore, presenterà un concerto di musiche eseguite con una folta rappresentanza della famiglia degli strumenti a percussione. Si tratta di una famiglia che conta un numero impressionate di strumenti, suonati con le tecniche più diverse, dal piccolo triangolo ai maestosi timpani, dallo xilofono al gong. Qui la dimensione ritmica è preminente, ma ci sono anche strumenti che sfoggiano virtuosismi melodici davvero complessi. In programma brani da musical, colonne sonore e qualche pagina del repertorio classico rivisitata, per l’occasione, in modo assai originale.
 
Roger Catino si diploma giovanissimo in strumenti a percussione / timpani, con il massimo dei voti, sotto la guida del prof.  Stefano Cantarelli, in Composizione con il massimo dei voti sotto la guida del M° Giorgio Tosi e in Direzione d’orchestra con il M° Pietro Veneri al conservatorio “A. Boito “ di Parma. Si diploma a pieni voti in direzione d’orchestra all’Accademia superiore Pescarese con il M° Donato Renzetti. Ha collaorato e collabora con numerosi enti lirici e sinfonici: Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, Orchestra del Teatro la Fenice di Venezia, Orchestra del Teatro Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra della Radio Svizzera Italiana e altre. Collabora con importanti gruppi di musica da camera. È docente di percussioni al Liceo “A. Bertolucci” di Parma. Dal 2003 è preparatore e direttore del coro Gospel “Cake & Pipe” e dal 2005 collabora come direttore d’orchestra con la compagnia d’operetta di Corrado Abbati. Nel 2007 ha collaborato, come esecutore e compositore, nella realizzazione dell’ultimo CD dei Percussionisti della RAI. Nel medesimo anno si è esibito al teatro alla Scala nella rassegna “J. Cage” con i “Percussionisti della Scala”. Nel 2015 arrangia e dirige le musiche dell’operetta “Al Cavallino bianco” per la compagnia di Corrado Abbati.
 
Domenica 26 agosto, nella chiesa di San Lorenzo a Pracchia, ore 17,30, chiude la rassegna il Trio Pianistico di Bologna che presenta “Piano tour. Musiche per pianoforte a 6 mani”. Il Trio, formato da Silvia Orlandi, Alberto Spinelli, Antonella Vegetti, che aveva già raccolto un notevole successo di pubblico tre anni, fa, torna con un nuovo programma nel quale alterna pagine di grandi autori (Czerny, Rachmaninov, appositamente scritte per quest formazione) a trascrizioni, a brani appositamente arrangiati per il Trio Pianistico di Bologna. Alternando repertorio classico e brani di carattere più brillante il Trio intende offrire un “viaggio” musicale all’interno delle potenzialità del rarissimo gruppo a 6 mani.
 
Tutti i concerti sono a ingresso libero

Per informazioni:
Alberto Spinelli

Email: albertospinelli62@outlook.it

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: