Skin ADV
La Voce di Pistoia
  • 17:05 - 27/5/2018
  • 1066 utenti online
  • 48877 visite ieri
  • [protetta]
  • Cerca:
In evidenza:  
CHITI SCHERMA

Un successo di enorme prestigio per il giovane alfiere della Chiti Scherma e per tutto il movimento pistoiese. La gara si è disputata nella usuale cornice di Riccione, dove nell’arco di una settimana si sono alternati in pedana oltre 3000 atleti appartenenti alle categorie under 14

BASKET

Dopo tre anni ricchi di gioie e successi, le strade del Pistoia Basket 2000 e di coach Vincenzo Esposito si separano. Approdato a Pistoia nell'estate del 2015, Esposito ha totalizzato 97 presenze sulla panchina biancorossa (tutte in serie A) riportando alcuni significativi record nella storia del basket cittadino.

CALCIO

Alla manifestazione prenderanno parte 69 squadre (60 maschili e 9 femminili) per un totale di oltre 200 partite nei 16 campi da gioco allestiti all’impianto del Centro Sportivo Renzo Brizzi di Massa e Cozzile

MTB

Sono state consegnate due targhe, una alla società con la scritta "All'Avis Bike Pistoia, perché ​l'​unione fa la forza", l'altra con la dedica "Ad Edita Pucinskaite, Campionessa nello Sport e nella Vita"

CALCIO

Sono aperte le iscrizioni al “F. Real Madrid Clinics” il camp estivo riservato a ragazzi tra 7 e 15 anni in programma al campo Edy Morandi delle Fornaci dal 18 al 22 giugno prossimi

SCHERMA

L’ultima prova interregionale under 14 ha regalato molte soddisfazioni alla Chiti Scherma. La lunga maratona stagionale che ha portato gli atleti delle categorie più giovani a disputare ben tre prove nazionali, due interregionali e due regionali, si è conclusa sulle pedane di Arezzo

PODISMO

Domenica 15 aprile torna la kermesse sportiva  9° Trofeo CNA 10.000 City Run, la gara podistica competitiva (10 km) e ludico motoria (5 km) organizzata da CNA PENSIONATI TOSCANA CENTRO, Uisp e Associazione Silvano Fedi

ATLETICA CARIPIL

Sono nove le medaglie conquistate dalla società pistoiese ai Toscani Indoor Junior, Under16 e Under14. Spicca Alessio Geri che vince il titolo e poi piazza la seconda misura stagionale italiana dell’anno nel salto in alto con 1.86m fra gli Under16

MOSTRA

Alla Fondazione Vivarelli potremo vedere opere che contengono sia l’architettura, sia il paesaggio che la ospita. Questi lavori fanno parte di una ricerca che rimane un punto importante nel lavoro di Basetti, da cui ha tratto “linfa” vitale

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Per scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un’indicazione sul luogo dello scatto, ma senza svelare più di tanto, nella speranza che nei lettori si alimenti la voglia di osservare, stupirsi, conoscere angoli preziosi della città

MOSTRA FOTOGRAFICA

Dodici foto per raccontare gli eccessi della vita contemporanea. Dal 21 maggio alla San Giorgio la mostra di Legambiente Pistoia con foto di Beatrice Beneforti

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Per scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un’indicazione sul luogo dello scatto, ma senza svelare più di tanto, nella speranza che nei lettori si alimenti la voglia di osservare, stupirsi, conoscere angoli preziosi della città

MOSTRA

Tutti gli eventi si svolgeranno dal 17 al 30 maggio nella straordinaria cornice dell'ex chiesa di san Giovanni Battista in corso Gramsci 41

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Per scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un’indicazione sul luogo dello scatto, ma senza svelare più di tanto, nella speranza che nei lettori si alimenti la voglia di osservare, stupirsi, conoscere angoli preziosi della città

RASSEGNA TEATRALE

“In-canti sotto la luna” è il titolo che la Fondazione Turati ha voluto dare alla sua prima rassegna teatrale, articolata in 4 spettacoli,  che si terrà, nell’estate del 2018, nel giardino del Centro Socio-Sanitario che la Turati gestisce a Gavinana

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Per scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un’indicazione sul luogo dello scatto, ma senza svelare più di tanto, nella speranza che nei lettori si alimenti la voglia di osservare, stupirsi, conoscere angoli preziosi della città

Mai sarebbe andata,
ma in qualche modo
lasciai .....
Dal libro
"PER MIA FORTUNA, AMANDO, MI SONO ROVINATO .....
Il consenso delle stelle

Esiste una favola vera
dove .....
Una vasta prateria
campi e prati incolti
un ex soldato .....
EURO 63. 000, 00

Pescia, centro storico, 3° piano.
Tre .....
Vendo o scambio a 18 km da Bologna (Medicina) appartamento mansardato .....
La mostra si terrà presso lo spazio ArtistikaMente in Largo .....
Cerchiamo su Pistoia n. 3 ragazze disposte a fare da modelle .....
MOSTRA D'ARTE
“Giorgio Celiberti, il segno e la materia”

21/4/2018 - 11:24

Un grande artista italiano che è dentro la storia e la fa palpitare in ogni sua piega. Attratto dalle potenzialità sensoriali e percettive, Giorgio Celiberti dipinge la storia mentre la vive, la materializza negli anni con i linguaggi e gli strumenti di espressione più diversificati, un interprete del suo tempo che continua a rigenerarsi dando voce al talento innato dell’arte poliglotta che non teme confini né contaminazioni. Per il maestro di Udine il futuro è la realtà che sperimenta e investe sulla forza dei segni e sull’alternanza contrapposta e ritmata del quotidiano, ora reale ora simbolico, ora gioioso ora conflittuale.


Sotto lo sguardo di un’amicizia che lo lega a Marino Marini dalla seconda metà del ventesimo secolo, apre i battenti la personale di Giorgio Celiberti, l’artista poliedrico che rappresenta il mosaico italiano dell’arte viva, dinamica, che vola sulla tela e scivola non senza ‘graffi’ sulla scultura, felice di toccare terra a contatto con le sue superfici ruvide e irregolari, viaggia nel tempo attraverso la plasticità arcaica della terracotta e prende forme rassicuranti nelle ceramiche abitate dal mondo animale, sogna l’eleganza preziosa dei gioielli e approda alla contemporaneità del design. In un fluire continuo e in un passaggio di stato che si realizza nella propagazione della materia e l’evocazione dei diversi momenti del vissuto personale e collettivo, Giorgio Celiberti racconta per la prima volta il suo percorso di scultore e pittore a Pistoia. Apre il suo mondo, fatto di farfalle, cuori e gatti, di spinte verso dimensioni lontane e di ritorni a casa, nella galleria dedicata all’arte contemporanea del Museo Marino Marini.

 

Fino al 24 giugno la personale “Giorgio Celiberti, il segno e la materia” svela uno scrigno di emozioni, ricordi, memorie, tecniche, materie, appendici espressive di un lungo cammino artistico che negli spazi museali del Palazzo del Tau trovano una sintesi di alto spessore.


La mostra è promossa dalla Fondazione Marino Marini e realizzata grazie al contributo della Fondazione Banca Alta Toscana. Responsabile del progetto è Maria Teresa Tosi della Fondazione Marini, mentre il coordinamento e la segreteria organizzativa sono firmati da Ambra Tuci e Francesco Burchielli sempre della Fondazione. Curatori della mostra sono Giovanna e Mimma Massone della Galleria d’arte “Gli Angeli” di Bergamo, il testo critico è di Marco Bazzini. Dopo aver conosciuto il maestro nel suo habitat naturale dell’atelier di Udine Ambra Tuci ravvisa “un lavoro intenso e quotidiano, eseguito senza sosta, ma con l’entusiasmo di un bambino, da un uomo che ha attraversato un periodo storico particolarmente vivo e variegato ed ha raccolto nelle sue opere gioie e dolori di un mondo in continuo cambiamento”.


La trasferta toscana mette in primo piano alcuni degli aspetti centrali dell’arte e della poetica di Celiberti. Le opere esposte nella galleria del Museo Marino Marini, una trentina di opere tra sculture in gesso e terracotta, dipinti su tela e tavola, muri, vivranno non solo di scultura riflessa, tra gli squardi delle Pomone e le armonie conquistate di Cavalli e Cavalieri, ma di una luce propria che si alimenta del buio, il suo opposto. “Le tele, le carte, le tavole, le terrecotte – aggiunge Tuci - raccolgono segni e grafismi affollati e sovrapposti che raccontano di un passato e di un presente macerato e convulse”.

 

Un gene che accomuna Celiberti e Marini, nell’intento di ripercorrere le origini, è la contemporaneità ancestrale.

“Le superfici graffiate, corrose e scarne – prosegue - sembrano lavorate dal logorio della storia, sono superfici bidimensionali ma alla ricerca di una tridimensionalità”.

E poi compare la luce della leggerezza che ripristina equilibrio e serenità, segni reali che scandiscono il tempo del sogno. Cuori, farfalle e gatti ne sono ignari responsabili.


Museo Marino Marini Palazzo del Tau
Corso Silvano Fedi, 30 51100 Pistoia
Info: 0573 30285 – fmarini.direzione@gmail.com
Orari: martedì - sabato 11-18 – domenica 14.30 – 19.30

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: