Skin ADV
La Voce di Pistoia
  • 15:12 - 17/12/2018
  • 717 utenti online
  • 36063 visite ieri
  • [protetta]
  • Cerca:
In evidenza:  
BASKET

Coach Alessandro Ramagli sfida il suo recente passato. L'allenatore della OriOra domani si troverà infatti di fronte la Virtus Bologna, squadra sulla cui panchina ha seduto nelle ultime due stagioni.

SCI

Al via da metà dicembre le selezioni zonali dell’evento sciistico per ragazzi tra i 5 più importanti al mondo. Dal 30 marzo al 6 aprile appuntamento all’Abetone con le Finali Nazionali ed Internazionali

BASKET

Conferenza stampa pre-gara per coach Ramagli, che così presenta gli avversari di oggi al PalaCarrara: "Brescia è una squadra molto rinnovata, ma facile da presentare: tre giocatori della Nazionale, Vitali, Abass e Sacchetti, due giocatori che l'NBA l'hanno giocata per davvero e che però in Europa hanno avuto stagioni diverse fra loro.

CHITI SCHERMA

Inizia bene la stagione per gli schermitori master pistoiesi. Nelle prime due prove del circuito nazionale che porterà gli schermitori “diversamente giovani” all’europeo di maggio a Cognac e, per chi rientrerà fra i quattro migliori italiani, al mondiale del Cairo, i colori pistoiesi si sono fatti valere

ATLETICA

Nella 24° edizione del trofeo la società pistoiese si è imposta nella classifica generale, ma riconoscimenti sono arrivati anche a livello individuale. La premiazione è avvenuta presso la sede della Misericordia di Casalguidi

CHITI SCHERMA

Grande inizio di stagione per gli under 14 della Chiti Scherma che alla prima prova della fase interregionale del trofeo Kinder +Sport ha colto alcuni importanti successi, a partire dal prestigioso en-plein conquistato nella categoria allievi (2005/2006)

ATLETICA

Al via i corsi di avviamento all’atletica leggera per bambini e ragazzi dai 4 ai 15 anni: ecco tutti gli orari ed i referenti da contattare per chi fosse interessato

CHITI SCHERMA

La vittoria di Marco Gori nella prova regionale di qualificazione ai campionati italiani assoluti ha certamente un sapore particolare, visto che la gara, disputatasi nel palazzetto di Casalguidi, ha segnato il rientro alle competizioni del forte atleta pistoiese a sei mesi dalla rottura del legamento crociato

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Con "Pistoia Minimal" si rinnova la missione di scoprire di valorizzare le bellezze artistiche 'della porta accanto'. L'obiettivo è far scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un'indicazione sul luogo dello scatto

MOSTRA

Si inaugura a Pistoia il 15 dicembre alle ore 10,30 presso l'Atrio del Palazzo di Giano, organizzata da “Ipazia - Coltivar Culture”, la bipersonale d'arte di Michele Bertellotti e Clara Mallegni “Rebus 5-7”

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Con "Pistoia Minimal" si rinnova la missione di scoprire di valorizzare le bellezze artistiche 'della porta accanto'. L'obiettivo è far scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un'indicazione sul luogo dello scatto

MUSICA

Protagonista dell’inaugurazione della Stagione sabato 12 gennaio (ore 21) il celebre Quartetto Jerusalem, costituito da quattro musicisti israeliani che hanno intrapreso un viaggio di crescita e maturazione che li ha portati ad avere un vasto repertorio

LIBRI

Rileggendo materiale archivistico e documentale, l’opera è un percorso cronologico sulla storia della città delle origini fino alla Latina città nuova degli ultimi decenni, scevra da pregiudizi ideologici ma considerando il contesto sociale ed economico

MOSTRA

Giovedì 6 dicembre alle 17.30 nella biblioteca San Giorgio sarà inaugurata la mostra di Paolo Tesi dal titolo Lontano dalle gabbie. Paolo Tesi è un artista pistoiese della generazione che segue da vicino quella “di mezzo”

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Con "Pistoia Minimal" si rinnova la missione di scoprire di valorizzare le bellezze artistiche 'della porta accanto'. L'obiettivo è far scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un'indicazione sul luogo dello scatto

MOSTRA

Non poteva che innamorarsi di un luogo così connotato dal lavoro quotidiano un artista come Giovanni Termini, che incentra il proprio intervento artistico in relazione al contesto in cui l'opera prenderà vita

Non ho bisogno di te, ho voglia di te. vita mia
Non .....
Mai sarebbe andata,
ma in qualche modo
lasciai .....
Dal libro
"PER MIA FORTUNA, AMANDO, MI SONO ROVINATO .....
Il consenso delle stelle

Esiste una favola vera
dove .....
Randstad Italia Spa

Ricerca

per ALIA Servizi Ambientali .....
Randstad Italia Spa
Filiale di Lucca
Tel. : 0583 330111

Ricerca .....
Ho avuto i domiciliari per piccoli problemi con la legge. con .....
Certificazione Internazionale di Yoga della Risata con Andrea .....
PROVINCIA
Fratelli d’Italia all’attacco su trasporti e sanità: "Da Pistoia all’Abetone grossi disservizi"1

13/4/2018 - 15:40

Francesco Cipriani, coordinatore Fratelli d'Italia Pistoia, interviene su sanità e trasporti.

 

“Siamo tra le più belle regioni del mondo e, nonostante ciò, sotto alcuni profili, siamo indietro anni luce rispetto ad altre realtà. Mi riferisco in particolare alla viabilità e ai servizi socio sanitari. Le amministrazioni Tomasi e Petrucci stanno molto lavorando in questo senso e ottenendo ottimi risultati, tuttavia ciò non basta perché molte problematiche sono di competenza esclusiva della Provincia o della Regione. Mi riferisco in particolare alle infrastrutture provinciali e alla strutture sanitarie che, ogni giorno, provano la mala gestio degli amministratori sovraordinati agli amministratori locali. Chiediamo quindi un confronto concreto con Provincia e Regione sui temi predetti. Attendiamo quindi una risposta concreta da Vanni e Rossi. Siamo disponibili a qualsiasi dialogo purché costruttivo per i nostri concittadini” 

 

Sulla sanità – con particolare riferimento all’ospedale di San Marcello - interviene Claudio Paolacci, membro del dipartimento servizi sociali e sanità.

 

“Con la riforma della sanità toscana approvata dal consiglio regionale che ha visto, dal 1 gennaio 2016, l’accorpamento delle 12 aziende sanitarie locali in 3 grandi Aziende: usl Toscana centro, usl Toscana nord ovest ed usl Toscana sud est, voleva essere sulla carta un modo per offrire ai cittadini toscani un’assistenza migliore, più sicura e di miglior qualità, ad un costo per il contribuente inferiore. A distanza di più di due anni purtroppo tutte queste premesse non hanno trovato fondamento. Sul territorio pistoiese il modello di sanità integrata non ha visto una risposta efficace, il depotenziamento degli ospedali limitrofi tra cui l’ospedale di S. Marcello pistoiese che è stato declassato a Piot (Presidio integrato ospedale del territorio) che non ha più un pronto soccorso, ma un presidio di primo soccorso la cui funzione è inadeguata e costringe gli abitanti della montagna a spostarsi al S. Jacopo, l’opsedale di Pescia che ha visto una riduzione di alcuni reparti tra cui la stimata pediatria e chirurgia.


Con la nuova sanità integrata doveva essere rafforzato il rapporto con i medici di medicina generale e le guardie mediche del territorio, tutto ciò è rimasto solo sulla carta, la gente continua ad andare al pronto soccorso per qualsiasi cosa perché altrove non trova risposte. La carenza dei posti letto non può essere certo compensata dalla realizzazione di un esiguo numero di posti letto per le cure intermedie. Per tutto il territorio abbiamo solo 14 posti letto di bassa intensità assistenziale al Villone Puccini e 20 posti letto di più alta intensità assistenziale al Centro Turati a Gavinana. 
Ad oggi la percezione che hanno i cittadini di questa organizzazione sanitaria integrata è insoddisfacente.”.
 
Sulle infrastrutture provinciali e l’ospedale di San Marcello intervengono poi Tommaso Ziviani coordinatore comunale di Abetone–Cutigliano e Giorgio Fabbri coordinatore comunale di San Marcello.


“Ci troviamo con un territorio montano splendido e alla fine di un inverno che ha portato un'affluenza turistica da record, se consideriamo le passate stagioni, ma ci troviamo sempre a combattere con una viabilità scandente e trasporti pubblici inadeguati. La viabilità è rimasta quella del granducato e le opere di adeguamento non sono sufficienti a garantire al turismo ,sia invernale che estivo, una fruibilità del territorio al passo con i tempi. Abbiamo la SP20 , strada di competenze della provincia, in condizioni disastrate ormai da mesi e tuttora non è stato effettuato alcun tipo di intervento per rimediare alle condizioni del manto stradale. I mezzi pubblici che circolano sulla rete viaria montana sono ancora legati alle tempistiche e logistiche della fabbrica SMI e non ai veri bisogni della popolazione e dei turisti, e non c'è nessuno che in questo senso prema per un adeguamento tale da rendere il servizio efficiente e di conseguenze anche maggiormente sfruttabile.” Così conclude, poi, il Coordinatore di San Marcello “Sanità in montagna, leggo con molto interesse sui quotidiani locali che ci troviamo in una situazione apocalittica, il nostro ospedale di riferimento san Jacopo di Pistoia vede un fuggi fuggi generale di malati che si rivolgono ad altre strutture, dove naturalmente è tutto a pagamento.  Nella nostra montagna, vengono  inaugurati,  da una associazione privata,  20 posti di degenza, che possono accogliere i pazienti  dimessi  dal PIOT di San Marcello Piteglio,  che non sono in fase di malattia acuta,  ma non sono nemmeno idonei al rientro in famiglia. Questo sarebbe il frutto del potenziamento del servizio sanitario in Montagna tanto annunciato ? Si diminuiscono i servizi del PIOT per rimpinguare le casse della fondazione Turati ? Stessa situazione per quanto riguarda la viabilità, continua Fabbri,  “Strada Regionale 66, la montagna sta franando, dopo gli ultimi lavori  eseguiti  :  Parla l'assessore provinciale Mari che dichiarava nel 2014: "In questi anni spesi sulla '66' 12 milioni di euro" ripreso da cronaca La Nazione. In questi anni abbiamo visto di tutto, frane a ripetizione ed è franato anche il tratto dove sono stati eseguiti i lavori di allargamento della sede stradale a piazza, a borghetto subito dopo la curva vi sono state nell’ultimo anno tre smottamenti con pietre e alberi ,nel Reno era sparita mezza sede stradale per il cedimento del muro sul fiume Reno,sono diversi anni che manca la manutenzione ordinaria della strada ci sono avvallamenti e buche diffuse, il risultato è un dissesto idrogeologico diffuso in tutta la montagna, manca la segnaletica stradale sia orizzontale che verticale, in caso di neve la montagna si blocca per ore, forse è la strategia giusta perché la gente abbandoni questo territorio”

Fonte: Fratelli d'Italia
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




14/4/2018 - 5:48

AUTORE:
marco

una frase , fra le tante , mi ha intrigato

Le amministrazioni Tomasi e Petrucci stanno molto lavorando in questo senso e ottenendo ottimi risultati,

ma icché vo' dire ??????