Skin ADV
La Voce di Pistoia
  • 19:02 - 24/2/2018
  • 838 utenti online
  • 33446 visite ieri
  • [protetta]
  • Cerca:
In evidenza:  
MTB

Cambierà maglia ma non i valori dell’Avis Bike Pistoia, società ciclistica amatoriale che da sempre promuove lo sport come miglior forma di solidarietà.

HC PISTOIA

Dopo il torneo “Befana sotto la Torre” giocato negli impianti del Cus Pisa è stata la volta della “Coppa Carnevale“ giocato presso gli impianti del Palazzetto dello Sport di Viareggio e del Pardini Sporting Centre di Lido di Camaiore dove l'H.C. Pistoia si è presentata con le formazioni under 14 sia maschile che femminile ed una under 10

ATLETICA

Intervista al direttore tecnico dell’Atletica Caripil Michele Giacomini che traccia un bilancio dell’attività 2017 volgendo lo sguardo al futuro fra gare, crescita del gruppo e progetti nelle scuole

MTB

A partire dal 1 febbraio, tutti gli appassionati della bicicletta, della montagna e del buon cibo locale sono invitati ad iscriversi online alla GF PISSEI EDITA PUCINSKAITE e approfittare della quota speciale fissata a soli 12 euro per chi lo farà entro il 17 maggio.

MARATONA

Si apre il sipario sulla 43esima edizione dell'affascinante corsa in salita in programma domenica 24 giugno. Tante come sempre le iniziative collaterali, già aperte le adesioni al concorso letterario "La corsa in parole"  

ATLETICA PISTOIA

La premiazione durante il tradizionale pranzo sociale al quale hanno partecipato il sindaco Tomasi, gli assessori Magni e Sabella e la delegata Coni Gariboldi. L'impegno della società per contribuire alla rinascita del Campo Scuola

SCHERMA

Le medaglie d’oro sono state una questione di...famiglia, visto che i titoli regionali se li sono aggiudicati Anna e Giacomo Bernini, rispettivamente nella categoria bambine (2007) e ragazzi (2005)

MTB

La nona edizione della Granfondo Pissei Edita Pucinskaite  in programma il 17 Giugno, ha una nuova immagine.  A realizzarla Vanessa Falasca, studentessa della 3 I del Liceo Artistico P. Petrocchi: la sua armoniosa opera è stata la più votata al concorso di pittura, promosso dall’Avis Bike Pistoia

FESTIVAL DEL GIALLO

Interviste agli autori, concorsi letterari, progetti interdisciplinari e trasferte al liceo Forteguerri: gli studenti pistoiesi protagonisti della manifestazione culturale

ECONOMIA
di Pietro Gramaglia

Qual è adesso la situazione dell’economia globale, in particolare in Europa e nello specifico in Italia? Nel 2008 il numero dei Paesi con un pil negativo, cioè in recessione erano 94, secondo una proiezione del Sole 24 ore nel 2018 saranno solo 6

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Per scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando un’indicazione sul luogo dello scatto, ma senza svelare più di tanto, nella speranza che nei lettori si alimenti la voglia di osservare, stupirsi, conoscere angoli preziosi della città, magari fotografandoli a loro volta

ARTE

La Fondazione Banca Alta Toscana, in collaborazione con la Banca AltaToscana, propone, anche per l’anno 2018, un ricco calendario di visite guidate gratuite, per favorire la diffusione della conoscenzadel patrimonio culturale e artistico del nostro territorio

MUSICA

Appuntamento imperdibile per gli appassionati di musica classica, il concerto offrirà anche ai non intenditori l’occasione di vedere all’opera un vero prodigio del pianoforte, un’autentica leggenda vivente.

PREMIO CEPPO

I tre libri vincitori del Ceppo Selezione Racconto e in gara per la finale del Ceppo Racconto sono: I difetti fondamentali di RICCI; La guerra dei murazzi di REMMERT; Mastica e sputa di ROVEREDO

LIBRI

Ci sono voci che non hanno tempo e che attraversano le epoche: la voce di Sergio Endrigo è una di queste. Ho avuto il piacere e l'onore di parlare di Sergio Endrigo con la sua unica figlia, Claudia. Il suo tributo d'amore al padre è il libro che ha scritto per Feltrinelli

LIBRI

Per non rinunciare alla buona cucina basta ingegnarsi, come ci insegna Luca Vivarelli in “Le ricette al tempo della BCE”, un libro di ricette che sarebbe più corretto chiamare manuale di sopravvivenza

Mai sarebbe andata,
ma in qualche modo
lasciai .....
Dal libro
"PER MIA FORTUNA, AMANDO, MI SONO ROVINATO .....
Il consenso delle stelle

Esiste una favola vera
dove .....
Una vasta prateria
campi e prati incolti
un ex soldato .....
Vorrei segnalare un disservizio sul portale internet ASL Pistoia. .....
Per importante evento Wella cerchiamo su Pistoia e provincia .....
Vendo 1 bancale di pellet di abete di produzione locale (in sacchetti .....
Giovedì 30 Marzo 2017 ore 21 presso Caffetteria Il Moderno ad .....
none_o
Stranieri fatti entrare illegalmente: 18 arresti e 240 denunce, a carico di impiegati pubblici e professionisti2

16/1/2018 - 9:21

Nella mattinata di oggi, la Polizia di Stato di Pistoia, nelle province di Pistoia, Prato, Lucca, Pisa, Firenze e Roma, ha eseguito 24 misure cautelari (una custodia cautelare in carcere, 18 arresti domiciliari e 5 misure interdittive), emesse dal GIP presso il Tribunale di Pistoia dott. Alessandro Buzzegoli su richiesta del Pubblico Ministero dott. Claudio Curreli, a carico di altrettante persone gravemente indiziate, a vario titolo, di reati quali il procurato ingresso illegale e l’agevolazione della permanenza nel territorio dello Stato di più di 200 cittadini stranieri, in prevalenza provenienti dal Pakistan, corruzione, violazione del segreto d’ufficio, traffico di influenze illecite, riciclaggio, truffa ai danni dello Stato, falso ideologico e materiale, furto, omissione di atti d’ufficio e cessioni di sostanze stupefacenti.
Le 19 persone arrestate sono cittadini pachistani, albanesi, marocchini e italiani.
I destinatari delle misure interdittive della sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio o servizio, invece, sono due impiegati del Comune di Pistoia e un impiegato della Prefettura di Pistoia, mentre per una ragioniera consulente del lavoro e un commercialista è stato disposto il divieto temporaneo di esercizio dell’attività professionale. Inoltre, sono state denunciate in stato di libertà altre 240 persone.
L’attività investigativa della Squadra Mobile di Pistoia ebbe inizio nel dicembre del 2015 quando, a seguito di alcune incongruenze riscontrate dal personale dell’Ufficio Immigrazione della Questura, si accertò che decine di cittadini pachistani confluivano a Pistoia da varie zone d’Italia e dall’estero per rinnovare il permesso di soggiorno oppure per ottenere il visto per il ricongiungimento familiare. Questi risultavano tutti assunti come imbianchini dalla stessa ditta intestata ad un cittadino pachistano da anni residente a Pistoia. Da qui il nome dell’operazione “White Wash”, cioè imbiancare.
Le successive indagini, sviluppatesi anche attraverso intercettazioni telefoniche ed ambientali e supportate da servizi di osservazione e pedinamento, hanno consentito di accertare l’irregolarità di più di 200 procedimenti amministrativi per rilascio o rinnovo di permesso di soggiorno, di cui 17 per ricongiungimenti familiare.
Beneficiari finali dei permessi erano in prevalenza cittadini pachistani, ma anche afgani, albanesi e marocchini abitanti in Italia e in altri paesi dell’Unione Europea quali Francia, Belgio, Olanda, Norvegia, Svezia e Grecia.
Gli stranieri pagavano per il rilascio o rinnovo del permesso di soggiorno dai 1000 ai 1500 euro e per i ricongiungimenti familiari dai 4500 agli 8000 euro.

Il principale artefice dell’attività illecita è risultato essere proprio il titolare della ditta di imbiancatura (destinatario della misura della custodia cautelare in carcere), il quale si avvaleva della collaborazione di un commercialista con studio a Montecatini Terme, di una ragioniera consulente del lavoro con studio ad Agliana e di un revisore contabile con studio a Pistoia e Montecatini Terme per la formazione della falsa documentazione reddituale e lavorativa da allegare alle istanze, nonché di vari cittadini italiani che dichiaravano falsamente l’ospitalità o di avere alle loro dipendenze gli stranieri da regolarizzare. Inoltre, beneficiava dei favori di impiegati postali compiacenti addetti alla ricezione dei Kit che gli consentivano di depositare la documentazione in assenza dello straniero che in quel momento si trovava all’estero. Infine, per agevolare le varie fasi del procedimento, corrompeva alcuni pubblici ufficiali in servizio presso gli uffici dei vari Enti competenti.
           

Il revisore contabile con studio a Pistoia e Montecatini Terme, oltre a collaborare con il cittadino pachistano titolare della ditta di imbiancatura, gestiva in proprio, grazie allo studio di consulenza di cui è titolare, 28 false pratiche di rinnovo di permesso di soggiorno di cittadini albanesi e marocchini. Inoltre, con il concorso di vari cittadini italiani che dichiaravano falsamente di avere alle proprie dipendenze i cittadini stranieri, riusciva a far ottenere a questi ultimi contributi di disoccupazione dall’INPS.

Nel corso delle indagini è emerso anche che i proventi dell’attività delittuosa del cittadino pachistano che gestiva l’attività illecita venivano trasferiti in Pakistan e investiti in immobili e terreni con la complicità di alcuni suoi connazionali che sono stati indagati per riciclaggio.
 
Ai due impiegati comunali è stato contestato il reato di truffa ai danni dello Stato per le loro assenze ingiustificate dal lavoro. Molte di queste assenze avvenivano quando i due, dopo aver contattato una cittadina albanese che li riforniva, si recavano a comprare dosi di cocaina che assumevano successivamente in ufficio.
 
Le cessioni di sostanza stupefacente di cui si è appena detto hanno consentito di sviluppare una parallela e contemporanea attività investigativa che ha portato all’individuazione di 6 soggetti (due albanesi di cui una donna, un italiano e tre magrebini) destinatari della misura cautelare degli arresti domiciliari, tutti dediti allo spaccio di cocaina e hashish in questo capoluogo.
 
Alla fase di esecuzione delle misure cautelari hanno collaborato anche la Squadra Mobile di Prato, il Reparto Prevenzione Crimine “Toscana” e due unità cinofile con cani antidroga provenienti da Firenze e da Bologna.

 

Fotoservizio di Luca Sforzi

Fonte: Squadra Mobile
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




17/1/2018 - 11:05

AUTORE:
Sandro

Non sono servite le intercettazioni di pochi anni fa ai danni di associazioni e pseudo cooperative gestite da malavitosi convertiti alla gestione dei migranti.
Credo che nulla cambierà a seguito dell’intervento delle forze dell’ordine che stiamo leggendo in questi giorni nei giornali.
Non riusciranno ad interrompere il flusso di immigrati in quanto il business è troppo importante.
E pensare che, nonostante tutto, certi esponenti e partiti politici fanno finta di NULLA !

17/1/2018 - 8:51

AUTORE:
Gregorio

Ciò che veniva e viene detto da anni: in Italia l'immigrazione è il più grande business!
Alimentare la malavita è quanto di meglio la maggior parte dei partiti riescono a proporre.