Skin ADV
La Voce di Pistoia
  • 17:01 - 23/1/2018
  • 623 utenti online
  • 34426 visite ieri
  • [protetta]
  • Cerca:
In evidenza:  
SCHERMA

Le medaglie d’oro sono state una questione di...famiglia, visto che i titoli regionali se li sono aggiudicati Anna e Giacomo Bernini, rispettivamente nella categoria bambine (2007) e ragazzi (2005)

MTB

La nona edizione della Granfondo Pissei Edita Pucinskaite  in programma il 17 Giugno, ha una nuova immagine.  A realizzarla Vanessa Falasca, studentessa della 3 I del Liceo Artistico P. Petrocchi: la sua armoniosa opera è stata la più votata al concorso di pittura, promosso dall’Avis Bike Pistoia

SCHERMA

Grande soddisfazione in casa Chiti Scherma per Claudio Pavel, ventunenne spadista che a Moedling in Austria ha conquistato un lusinghiero 11° posto nel circuito europeo under 23. 

FERRUCCI LIBERTAS

Con la fase Nazionale delle competizioni a squadre della categoria allievi, ovvero il campionato di Serie C, tenutosi a Modena, si è conclusa la stagione agonistica 2017 della ginnastica

BASKET

E’ un presidente Maltinti a tutto tondo quello che, in occasione della sosta del campionato per le partite della Nazionale, fa il punto della situazione in casa biancorossa.

TENNIS

E’ un’andata di play-out molto amara per il Tennis Club Pistoia, sconfitto in casa per 5-1 dal Tennis Club Crema e vicino alla retrocessione: per ribaltare un punteggio così negativo e ottenere la permanenza nel Campionato di Serie A.

ATLETICA CARIPIL

Dopo la vittoria nel 2016, piazza d’onore nell’edizione 2017. Successo singolo per Sofia Corsini (classe 2006) e secondo posto conquistato da Matteo Squarcini (2008)

CHITI SCHERMA

A Ravenna, al termine di una gara assai intensa, ha portato a casa un significativo 3° posto su un lotto di partecipanti che ha sfiorato le 200 unità. Nella stessa categoria, i ragazzi (2005), ottima prestazione anche di Giacomo Bernini

STORIA

Progetto Scenari XX Secolo in collaborazione con la Provincia di Pistoia. In occasione del Giorno della Memoria lezione agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado a cura di Matteo Stefanori  "Ordinaria amministrazione. Gli ebrei e la Repubblica sociale italiana”

FONDAZIONE TRONCI

Giovedì 23 gennaio sempre in corso Gramsci 37 alle 21.30 toccherà alla Fabrizio Berti Jug Band confrontarsi con il repertorio musicale degli anni 1940-1950 che prendendo le mosse da jazz e blues si approssima al Rock and Roll.

TEATRO

Nuovo appuntamento della stagione di prosa del Teatro Manzoni di Pistoia dal 12 al 14 gennaio con una coppia di attrici di rango, amatissime dal pubblico del teatro e del cinema

STORIA

La  ricerca  storica  è  stata  indirizzata  su  più  aree  e  ha  portato  alla  realizzazione  di  quattro convegni,  quattro  mostre  e  sette  pubblicazioni.  

MUSICA

Fondazione Luigi Tronci e Associazione Culturidea, sotto la supervisione del poliedrico maestro Ivano Saltastrano, hanno allestito un autentico corso professionalizzante per diventare esperti di jazz

DENTRO PISTOIA
di Simone Magli

Con questa nuova rubrica, “Dentro Pistoia”, vi accompagnerò nella parte più intima di Pistoia, con le mie poesie visive. Armato di Iphone ed entusiasmo, immortalerò segreti e tradizioni della nostra città

TEATRO

Daniel Pennac, Serge Nicolaï, Claudia Marsica, Silvia Gallerano, Mario Biagini, The Blind Summit Theatre sono alcuni dei nomi del cartellone, cui si affiancheranno la formazione, il teatro e le attività per i bambini.

LIBRI

Giovedì 14 dicembre alle 17 nella sala Gatteschi della biblioteca Forteguerriana sarà presentato il libro “Tesori in guerra. L'arte di Pistoia tra salvezza e distruzione”, di Alessia Cecconi e Matteo Grasso

Mai sarebbe andata,
ma in qualche modo
lasciai .....
Dal libro
"PER MIA FORTUNA, AMANDO, MI SONO ROVINATO .....
Il consenso delle stelle

Esiste una favola vera
dove .....
Una vasta prateria
campi e prati incolti
un ex soldato .....
Vorrei segnalare un disservizio sul portale internet ASL Pistoia. .....
Per importante evento Wella cerchiamo su Pistoia e provincia .....
Vendo 1 bancale di pellet di abete di produzione locale (in sacchetti .....
Giovedì 30 Marzo 2017 ore 21 presso Caffetteria Il Moderno ad .....
IL FUNARO
Il filo di Arianna

9/9/2017 - 10:16

Da sabato 16 a venerdì 22 settembre, dalle ore 18, al Funaro di Pistoia va in scena in debutto nazionale “Il Filo di Arianna”, primo lavoro di Enrique Vargas con il Teatro de los Sentidos, primo grande spettacolo labirinto per uno spettatore alla volta, prima tappa della poetica sensoriale per cui è nota la compagnia di casa a Barcellona, e ideale premessa del memorabile “Oracoli” (presentato anche al Funaro nel 2011).

“Il Filo di Arianna” come ogni altro spettacolo di questa compagnia composta da artisti di tutto il mondo, dichiara fin dalla locandina –fra le voci, ad esempio compare “paesaggio olfattivo” -  l’intenzione di proporre un gioco che stimola l’uso dei sensi: l’invito è a trasformarsi in un viaggiatore mitologico che percorre il suo cammino attraverso le “stanze” (una gigantesca scenografia in cui entrare), sulle orme del Minotauro, antico abitante di questo spazio onirico, e sconfiggere i propri mostri.

Lo spettacolo - con la regia di Enrique Vargas, la drammaturgia di Enrique Vargas e Teatro De Los Sentidos, l’assistenza alla drammaturgia di Valentina Vargas, il coordinamento artistico di Gabriel Hernandez che, con Gabriella Salvaterra, cura anche il coordinamento tecnico, il disegno dell’immaginario ancora di Gabriella Salvaterra, il disegno luci di Francisco J. Garcia, il paesaggio olfattivo di Giovanna Pezzullo, il paesaggio sonoro di Stephane Laidet, i costumi di Patrizia Menichelli e con gli attori-ricercatori Francisco J. Garcia, Gabriel Hernandez, Stephane Laidet, Nelson Jara, Patrizia Menichelli, Giovanna Pezzullo, Gabriella Salvaterra - è un’esperienza nella quale si intreccia la storia personale di ogni individuo e la storia di Arianna e il Minotauro, un lavoro sugli archetipi, sul viaggio, sulla paura, sentimento che forse oggi più che in altri momenti richiede in termini individuali e collettivi una spiccata capacità di gestione. Il pubblico / viaggiatore,  si trasforma lentamente in un Teseo, senza neppure realizzare questa trasformazione e facendo del suo viaggio una ricerca del suo "minotauro interiore".

Nell'oscurità, perdendo la possibilità della vista, il viaggiatore ha la possibilità di esplorare tutte le potenzialità degli altri sensi. Per procedere nel viaggio è necessario seguire il filo invisibile delle proprie intuizioni, che non si limitano a fornire informazioni, ma rivelano anche la dimensione poetica legata alla memoria del corpo e alla premonizione. L'oscurità dalla quale si è avvolti durante il percorso concede ai sensi la possibilità di nuovo linguaggio: le mani possono vedere, il naso può gustare, le orecchie possono ascoltare il silenzio.

Lo sviluppo di questo linguaggio consente di avvalersi del corpo come fonte primaria di conoscenza. “Il Filo di Arianna” è uno spettacolo che ama il paradosso: per vedere bisogna chiudere gli occhi, per ascoltare c’è bisogno di silenzio, per trovarsi bisogna perdersi. Il labirinto, come sempre nei lavori di Enrique Vargas e il Teatro de los Sentidos è un viaggio di morte e di nascita. Si passa attraverso il buio, l’ignoto, si rischia per poter tornare alla luce, alla vita, arricchiti da un’esperienza che una spettatrice spagnola ha riassunto così: “La cosa più bella è la sensazione che puoi superare la paura di ciò che non conosci: non sai dove sei né con chi sei eppure, ad un certo punto, non ti importa”.
Il Funaro è la “casa italiana” del Teatro de los Sentidos, che qui, dal 2009, ha proposto ogni stagione spettacoli e laboratori della Scuola dei Sensi. Enrique Vargas, drammaturgo e antropologo colombiano che da oltre 30 anni sviluppa un linguaggio poetico di grande influenza per il teatro contemporaneo, ha iniziato la sua strada nel mondo del teatro inventando giochi nelle piantagioni intricate e labirintiche di caffè tipiche della zona delle Ande, dove è cresciuto. Da allora il suo lavoro di creazione è stato la ricerca di un'anima di quei suoi giochi infantili proibiti e lo sviluppo di una poetica sensoriale che può riempirla di senso. Presentare al Funaro – che vede anche il contributo di Vargas nella concezione della sua fisionomia – “Il Filo di Arianna” significa svelare agli affezionati e ai nuovi spettatori il primo capitolo, la prima sperimentazione organica di una forma di teatro che abbatte fisicamente i confini tra teatro e pubblico, invitato a svolgere un ruolo attivo come “viaggiatore” insieme agli “interpreti / abitanti” del gioco.
Enrique Vargas e il Teatro de Los Sentidos in oltre 20 anni di attività hanno presentato, i loro lavori in moltissime città europee, americane, asiatiche e australiane. Dopo la tappa toscana saranno dal 9 al 12 novembre a Le Channel, scène nationale de Calais con “Renexer”; nel 2018 saranno impegnati nella craezione di un nuovo spettacolo coprodotto ad Hong Kong.

Lo spettacolo è presentato nell'ambito delle iniziative di Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017, in collaborazione con Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale.
Prenotazione obbligatoria, spettacolo per 1 spettatore alla volta e 54 persone a replica (un ingresso ogni 4 minuti). E’ necessario arrivare almeno 15 minuti prima dell’orario di ingresso stabilito al momento della prenotazione.
Vietato ai minori di anni 13. E’ consigliato segnalare se si è in stato di gravidanza

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: