Skin ADV
La Voce di Pistoia
  • 03:01 - 24/1/2018
  • 653 utenti online
  • 29817 visite ieri
  • [protetta]
  • Cerca:
In evidenza:  
SCHERMA

Le medaglie d’oro sono state una questione di...famiglia, visto che i titoli regionali se li sono aggiudicati Anna e Giacomo Bernini, rispettivamente nella categoria bambine (2007) e ragazzi (2005)

MTB

La nona edizione della Granfondo Pissei Edita Pucinskaite  in programma il 17 Giugno, ha una nuova immagine.  A realizzarla Vanessa Falasca, studentessa della 3 I del Liceo Artistico P. Petrocchi: la sua armoniosa opera è stata la più votata al concorso di pittura, promosso dall’Avis Bike Pistoia

SCHERMA

Grande soddisfazione in casa Chiti Scherma per Claudio Pavel, ventunenne spadista che a Moedling in Austria ha conquistato un lusinghiero 11° posto nel circuito europeo under 23. 

FERRUCCI LIBERTAS

Con la fase Nazionale delle competizioni a squadre della categoria allievi, ovvero il campionato di Serie C, tenutosi a Modena, si è conclusa la stagione agonistica 2017 della ginnastica

BASKET

E’ un presidente Maltinti a tutto tondo quello che, in occasione della sosta del campionato per le partite della Nazionale, fa il punto della situazione in casa biancorossa.

TENNIS

E’ un’andata di play-out molto amara per il Tennis Club Pistoia, sconfitto in casa per 5-1 dal Tennis Club Crema e vicino alla retrocessione: per ribaltare un punteggio così negativo e ottenere la permanenza nel Campionato di Serie A.

ATLETICA CARIPIL

Dopo la vittoria nel 2016, piazza d’onore nell’edizione 2017. Successo singolo per Sofia Corsini (classe 2006) e secondo posto conquistato da Matteo Squarcini (2008)

CHITI SCHERMA

A Ravenna, al termine di una gara assai intensa, ha portato a casa un significativo 3° posto su un lotto di partecipanti che ha sfiorato le 200 unità. Nella stessa categoria, i ragazzi (2005), ottima prestazione anche di Giacomo Bernini

STORIA

Progetto Scenari XX Secolo in collaborazione con la Provincia di Pistoia. In occasione del Giorno della Memoria lezione agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado a cura di Matteo Stefanori  "Ordinaria amministrazione. Gli ebrei e la Repubblica sociale italiana”

FONDAZIONE TRONCI

Giovedì 23 gennaio sempre in corso Gramsci 37 alle 21.30 toccherà alla Fabrizio Berti Jug Band confrontarsi con il repertorio musicale degli anni 1940-1950 che prendendo le mosse da jazz e blues si approssima al Rock and Roll.

TEATRO

Nuovo appuntamento della stagione di prosa del Teatro Manzoni di Pistoia dal 12 al 14 gennaio con una coppia di attrici di rango, amatissime dal pubblico del teatro e del cinema

STORIA

La  ricerca  storica  è  stata  indirizzata  su  più  aree  e  ha  portato  alla  realizzazione  di  quattro convegni,  quattro  mostre  e  sette  pubblicazioni.  

MUSICA

Fondazione Luigi Tronci e Associazione Culturidea, sotto la supervisione del poliedrico maestro Ivano Saltastrano, hanno allestito un autentico corso professionalizzante per diventare esperti di jazz

DENTRO PISTOIA
di Simone Magli

Con questa nuova rubrica, “Dentro Pistoia”, vi accompagnerò nella parte più intima di Pistoia, con le mie poesie visive. Armato di Iphone ed entusiasmo, immortalerò segreti e tradizioni della nostra città

TEATRO

Daniel Pennac, Serge Nicolaï, Claudia Marsica, Silvia Gallerano, Mario Biagini, The Blind Summit Theatre sono alcuni dei nomi del cartellone, cui si affiancheranno la formazione, il teatro e le attività per i bambini.

LIBRI

Giovedì 14 dicembre alle 17 nella sala Gatteschi della biblioteca Forteguerriana sarà presentato il libro “Tesori in guerra. L'arte di Pistoia tra salvezza e distruzione”, di Alessia Cecconi e Matteo Grasso

Mai sarebbe andata,
ma in qualche modo
lasciai .....
Dal libro
"PER MIA FORTUNA, AMANDO, MI SONO ROVINATO .....
Il consenso delle stelle

Esiste una favola vera
dove .....
Una vasta prateria
campi e prati incolti
un ex soldato .....
Vorrei segnalare un disservizio sul portale internet ASL Pistoia. .....
Per importante evento Wella cerchiamo su Pistoia e provincia .....
Vendo 1 bancale di pellet di abete di produzione locale (in sacchetti .....
Giovedì 30 Marzo 2017 ore 21 presso Caffetteria Il Moderno ad .....
none_o
Il Comune:
"No a nuovi vivai e più controlli sull'uso dei fitofarmaci"3

19/5/2016 - 11:08

PISTOIA
Nessuna estensione delle aree vocate ad attività vivaistiche. E' questa la prima, e principale, osservazione che l'Amministrazione comunale ha inviato alla Provincia di Pistoia in relazione agli adeguamenti normativi che interesseranno il nuovo Piano Territoriale di Coordinamento provinciale -Ptc-, lo strumento urbanistico che disciplina il territorio in merito a infrastrutture viarie, aree di interesse ambientale da salvaguardare e ipotesi di sviluppo urbano.


L’adeguamento del nuovo Piano Territoriale alla legge regionale 41/2012 per il Comune di Pistoia dovrà escludere, quindi, l’inserimento di nuove aree vocate all’attività vivaistica rispetto a quelle già inserite nel Piano vigente e nel regolamento urbanistico.

 

Si ritiene, infatti, che l'ampliamento di tale perimetro porterebbe ad insediare l’attività vivaistica in aree collinari già molto fragili da un punto di vista sia ambientale che infrastrutturale, oltre che a modificare natura e fisionomia del paesaggio.


Fermo restando la richiesta di non ampliare l'attuale superficie dedicata al vivaismo, l'Amministrazione comunale ha chiesto anche che il nuovo Piano affronti alcuni aspetti di primaria importanza, come quelli del rischio idraulico, della salute pubblica, delle infrastrutture e della logistica (viabilità) e della tutela del paesaggio.


“Sono auspicabili – si legge nel documento inviato dal Comune alla Provincia - misure di tutela per gli insediamenti residenziali sparsi e collocati all'interno di aree vocate all'attività vivaistica anche attraverso fasce di rispetto, ampie almeno 10 metri, nelle quali siano messe a dimora specie di alto fusto che attenuino sensibilmente il passaggio di rumori, polveri e fitofarmaci”.


Sui fitofarmaci. A distanza di un anno dall’incontro dell’Osservatorio sul vivaismo, aperto alle associazioni di settore e ambientaliste, il Comune ha promosso e coordinato molteplici attività di controllo sull’uso dei fitofarmaci usati nel settore del vivaismo.Il coordinamento, formato da Amministrazione comunale (ufficio ambiente e Polizia Municipale), Asl, Arpat e Corpo Forestale dello Stato, su segnalazione dei cittadini ha messo in campo azioni di tutela della salute pubblica. Vediamo come.


Controlli di primo livello. Il protocollo siglato dai quattro enti prevede che per la segnalazione di spandimento dei fitofarmaci debbano essere attivati controlli di primo livello da parte di Polizia Municipale, Polizia Provinciale e Corpo Forestale dello Stato. Il controllo di primo livello riguarda la raccolta delle informazioni fin dalla segnalazione telefonica e poi verificate sul posto, con l’ausilio di una lista di verifiche da effettuare, predisposta da Asl e Arpat.


Risultati dei controlli. Sulla base di questa attività, sono stati trattati fino ad oggi tredici casi. Uno di questi si è concluso con un accordo tra Comune e azienda vivaistica interessata per garantire sistematicamente le fasce di rispetto sia delle abitazioni sia del reticolo idraulico. Per un altro caso è stata, invece, elevata una sanzione amministrativa, per altri tre casi riscontrati nel 2016 sono stati adottati provvedimenti prescrittivi.


Potenziamento del controllo sull'uso dei fitofarmaci. L’attività di coordinamento è periodicamente sottoposta a verifica, al fine di individuare criticità e procedere con il miglioramento delle azioni. Nel corso dell’ultima verifica, effettuata anche a seguito di insistenti segnalazioni di cittadini circa i possibili effetti dell’uso di fitofarmaci sulla loro salute, i tecnici di Comune, Asl e Arpat hanno condiviso la necessità di potenziare gli strumenti di controllo e coordinamento.

 

In particolare, è stata valutata l’opportunità di riattivare, alla Asl, lo sportello di consulenza per gli operatori del florovivaismo (in modo da sostenere e indirizzare verso l’uso di prodotti sempre meno impattanti), e di attuare la proposta di Arpat di trasformare il registro di campagna da formato cartaceo a formato digitale, con registrazione dei prodotti al momento dell’acquisto.


Al fine di consentire la verifica della regolarità dei prodotti utilizzati, è stata, inoltre, proposta una specifica procedura che consenta agli organi di controllo il prelievo in sicurezza e la successiva analisi di un campione del prodotto utilizzato. Riguardo all’attività sanzionatoria è stata rimarcata la necessità di potenziare i controlli circa il rispetto di quanto previsto dall’articolo 3, comma 3, del decreto legislativo 194/95 e dall’articolo 77 del regolamento comunale di igiene (impedimento effetto deriva).


Nuove limitazioni per prodotti fitosanitari. Sulla base dei risultati tecnici prodotti dalle strutture competenti e su proposta di queste, l’Amministrazione comunale potrà attivare quanto previsto dall’articolo 84 del Regolamento comunale di igiene, ossia prevedere la possibilità di modificare - anche temporaneamente - gli ambiti delle aree di tutela e porre limitazioni e inibizioni di prodotti fitosanitari che si rendessero responsabili di danni ambientali accertati o di pericolo per la salute pubblica. Su tutto, però, prevale la necessità di dotarsi di norme regolamentari più stringenti, che dovranno scaturire necessariamente dal regolamento regionale attuativo del PAN - Piano di attuazione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, approvato nel 2014.

Ad oggi la Regione Toscana ha emanato un provvedimento in cui si individuano le strutture competenti all’attuazione del PAN, mentre il Comune sta aspettando indicazioni certe circa le revisioni regolamentari di propria competenza e l’azione preventiva da parte dell’Asl.


Infine, il Comune di Pistoia ha provveduto a chiedere l’adesione dei Comuni di Agliana, Montale, Quarrata e Serravalle all’Osservatorio sul vivaismo, che in questo modo assumerà la dimensione territoriale corrispondente al distretto vivaistico-ornamentale. In quella sede, e nel confronto con associazioni di categoria e associazioni ambientaliste, saranno definite linee guida omogenee di intervento e di controllo, oltre alla revisione dei regolamenti di igiene attualmente in vigore.

Fonte: Comune di Pistoia
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




18/4/2017 - 14:47

AUTORE:
Lorenzo

Marcello siamo circondati dai vivai e dai veleni utilizzati.
Io abito a chiazzano ne so qualcosa. ....
Qua da noi lavorano la domenica e a pasquetta.

18/4/2017 - 9:12

AUTORE:
sante pollastri

“Sono auspicabili – si legge nel documento inviato dal Comune alla Provincia - misure di tutela per gli insediamenti residenziali sparsi e collocati all'interno di aree vocate all'attività vivaistica anche attraverso fasce di rispetto, ampie almeno 10 metri, nelle quali siano messe a dimora specie di alto fusto che attenuino sensibilmente il passaggio di rumori, polveri e fitofarmaci”.

17/4/2017 - 21:25

AUTORE:
Marcello

Deidero sapere:
Quanti metri di distanza da abitazioni,fosse e confini
devono essere dati.
Si sente un cattivo odore
inoltre ci viente mal di testa
e nausa.
Grazie