Skin ADV
La Voce di Pistoia
  • 12:01 - 22/1/2019
  • 532 utenti online
  • 29590 visite ieri
  • [protetta]
  • Cerca:
In evidenza:  
MTB

Tantissime le novità a partire dalle modifiche ai percorsi: Reinserimento del Passo dell’Abetone. Il ristoro di Spignana per i percorsi del Medio, Fondo e Gran Fondo. Due i tratti sterrati. Nuovo tratto cronometrato. Inedito e spettacolare percorso MTB

BASKET

"C'è solo una cosa da fare domenica: vincere -spiega il playmaker pistoiese- anche perché inizia il girone di ritorno e ora tutte le partite saranno fondamentali. Sarà importante entrare in campo con la testa giusta e pronti a dare battaglia come se non ci fosse un domani"

MTB

Sulla maglia del decennio, realizzata con tessuti microforati dal Maglificio Rosti, figura l’opera di Alice Nigro, studentessa della 3° G del Liceo Artistico Petrocchi, vincitrice del 5° Concorso di Pittura promosso da Avis Bike Pistoia

SPADA

Arriva dalle pedane di L'Avana il primo podio in carriera per Nicol Foietta. La spadista pistoiese classe 1995 conquista infatti il terzo posto al termine della tappa cubana del circuito di Coppa del Mondo di spada femminile.

BASKET

Amano giocare una pallacanestro controllata, perché hanno giocatori con un alto quoziente intellettivo cestistico, ma noi siamo reduci dalla partita molto positiva di una settimana fa con Varese e sappiamo che i punti per la salvezza possono essere trovati ovunque

BASKET

I biancorossi si impongono 71-65 contro la lanciatissima squadra lombarda. Grande prova di Dominique Johnson, autore di 26 punti, ma tutta la squadra ha mostrato la voglia giusta.

PODISMO

Nonostante il freddo pungente, 212 podisti si sono presentati al via della classica gara podistica a cronometro denominata <<Cronocaserana>> giunta alla ventunesima edizione e che si e corsa su di un percorso interamente pianeggiante nei dintorni dell frazione di Caserana nel comune di Quarrata (Pistoia).

BASKET

"Sarà fondamentale -ha affermato il tecnico nella conferenza stampa che precede la gara di domani con Varese- avere la forza e soprattutto il desiderio di ribellarsi a una settimana in cui sono accadute molte cose negative"

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Con "Pistoia Minimal" si rinnova la missione di scoprire di valorizzare le bellezze artistiche 'della porta accanto'. L'obiettivo è far scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un'indicazione sul luogo dello scatto

CEPPO BIENNALE POESIA

Anna Dolfi e Lucia Fiaschi presentano il libro-opera di Piero Bigongiari Preludio senza fuga - Prélude sans fugue a cura di Paolo Fabrizio Iacuzzi realizzato dall'artista Andrea Dami

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Con "Pistoia Minimal" si rinnova la missione di scoprire di valorizzare le bellezze artistiche 'della porta accanto'. L'obiettivo è far scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un'indicazione sul luogo dello scatto

MOSTRA

Il progetto è realizzato con la tecnica della penna a sfera (BIC), qui arricchita con lumeggiature eseguite a matita bianca o acquerello. Una tecinica ancora poco diffusa, che offre all'artista l'opportunità di  arricchire il suo lavoro dal punto di vista tecnico ed espressivo

MUSICA E DANZA

La Scuola di Musica e Danza “T. Mabellini” di Pistoia saluta il nuovo anno con il lancio di 10 nuovi laboratori, affidati a qualificati docenti e aperti a varie fasce di pubblico, dai più piccoli agli adulti

TEATRO

Un bel cartellone, da gennaio a maggio, composto di cinque titoli in orario serale, protagonisti Francesco Bottai (ex Gatti Mézzi), Gli Omini, Elisabetta Salvatori, I Musici di Guccini e la coppia Lucrezia Guidone/ Martino D’Amico, diretti da Federico Tiezzi

PREMIO CEPPO

Maura Del Serra è la vincitrice del Premio Ceppo Poesia Pistoia Capitale della Poesia (vinto nel 2017 da Roberto Carifi) e sarà premiata domenica 24 marzo mattina alla Biblioteca San Giorgio durante la premiazione del Premio Ceppo Poesia

PISTOIA MINIMAL
di Simone Magli

Con "Pistoia Minimal" si rinnova la missione di scoprire di valorizzare le bellezze artistiche 'della porta accanto'. L'obiettivo è far scoprire piccoli dettagli di Pistoia, dando ogni volta un'indicazione sul luogo dello scatto

Non ho bisogno di te, ho voglia di te. vita mia
Non .....
Mai sarebbe andata,
ma in qualche modo
lasciai .....
Dal libro
"PER MIA FORTUNA, AMANDO, MI SONO ROVINATO .....
Il consenso delle stelle

Esiste una favola vera
dove .....
Randstad Italia Spa

Ricerca

per ALIA Servizi Ambientali .....
Randstad Italia Spa
Filiale di Lucca
Tel. : 0583 330111

Ricerca .....
Ho avuto i domiciliari per piccoli problemi con la legge. con .....
Certificazione Internazionale di Yoga della Risata con Andrea .....
BASKET
Intervista a Maurizio Carrara

20/11/2015 - 16:40

Alla vigilia della sfida di Cremona, che Pistoia affronta da capolista solitaria, incontriamo Maurizio Carrara, membro di una famiglia che ha scritto pagine indelebili nella storia del basket cittadino. A Maurizio, figlio di quel Mario Carrara a cui il palazzetto di Sant’Agostino da quattro anni è intitolato, chiediamo per cominciare quanto sarebbe stato felice suo padre di vedere oggi Pistoia in vetta alla classifica della serie A…

 

“Sarebbe stato felicissimo: mio padre era un uomo che amava le sfide, oltre al basket. Nonostante le tante soddisfazione di quegli anni, Pistoia non arrivò mai a essere capolista. Certo, era una serie A diversa e la realtà pistoiese era già una realtà importante: una squadra che centrava i playoff e disputava le Coppe Europee, lottando ai massimi livelli, ma il primo posto in solitaria dopo sette giornate, beh, è un’emozione particolare…”

 

Dicevamo del grande legame che ha sempre unito il basket pistoiese e la famiglia Carrara: un legame che oggi vede coinvolti tanti altri attori. Cosa è cambiato a Pistoia in generale, e nella pallacanestro in particolare, rispetto ai tempi della Kleenex?

 

“E’ profondamente cambiato il basket: in quegli anni le squadre avevano un presidente che era il responsabile unico dell'andamento economico e sportivo, a Pesaro con Scavolini, a Treviso con Benetton, a Roma con Gardini. Adesso le cose sono diverse, e credo di poter dire che sono sostanzialmente cambiate in meglio: sono pochi i presidenti unici, in tutte le piazze c'è un consiglio, un pool più o meno ampio di imprenditori. Il rammarico che ho è questo: parliamo di uno sport bellissimo, che potrebbe avere un aiuto maggiore da parte dei media, delle tv ma non solo, e dalla Lega stessa”.

 

Da grande appassionato di basket, da tifoso e da addetto ai lavori, ti aspettavi sinceramente che dopo la chiusura di un ciclo lungo e vincente com’è stato quello di Paolo Moretti, Pistoia riuscisse a vivere un inizio di stagione così incredibile o questo primo posto in classifica stupisce anche uno come te?

 

“Sfido chiunque ad averlo immaginato così il dopo Moretti. Paolo ha dato molto a Pistoia, il nuovo ciclo porta la sua firma, e personalmente lo ritengo un grande allenatore oltre che una grande persona. L'ipotesi Esposito devo dire mi ha incuriosito fin da subito: conoscevo "El Diablo" dai tempi dell’Olimpia, lo ricordavo per i valori umani oltre che tecnici. Avevo molta fiducia, ma non era nelle mie aspettative essere primi dopo sette giornate, ma questo significa che a Pistoia c'è un humus, a livello ambientale, che fa lavorare in maniere tranquilla, ordinata e serena chiunque venga qua”.

 

Cosa pensi manchi ancora per fare il salto di qualità definitivo? Pistoia ormai si trova in serie A da tre anni, ha dominato gli ultimi due anni della Legadue, eppure, nelle intenzioni della società questo doveva essere una sorta di anno zero, un’ennesima ripartenza…

 

“Credo che il salto di qualità sia stato già fatto. L'obiettivo nostro è lottare per la salvezza, ma sicuramente siamo una realtà che in questo campionato ci sa stare e ci può stare per molto tempo. Chiaramente per garantire un futuro solido e di successo, la società ha bisogno di risorse economiche: il campionato è dispendioso e noi stiamo facendo miracoli con uno dei budget più bassi della categoria. Credo che ci sia bisogno di più imprenditori che sostengono il nostro progetto, molto semplicemente. La società sta lavorando bene e l'entusiasmo che c'è in città adesso ci può aiutare ad avvicinare ancora più persone al basket”.

 

Allargando gli orizzonti, rispetto al basket degli anni Novanta tante cose, almeno in Italia sono cambiate: nostalgia di quel periodo?

 

“Ogni cosa va vissuta nell'orizzonte temporale in cui avviene: il basket degli anni Novanta era spettacolare, forse anche più tecnico, un basket in cui gli italiani avevano un ruolo centrale, mentre adesso ci sono squadre che giocano quasi esclusivamente con giocatori stranieri. E’ un basket diverso, che mi piace, che è diventato così per limitare i costi, però non vedo grossissime differenze: c'è la stessa voglia di vincere, c'è lo stesso entusiasmo. L'unica cosa che è veramente cambiata, purtroppo, è che negli anni Novanta la pallacanestro era veramente il secondo sport nazionale, aveva le luci dei riflettori puntate addosso, non solo la domenica. Oggi non è più così, diciamocelo, ed è un peccato”. 

Fonte: Asd Pistoia Basket 2000
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: