Skin ADV
La Voce di Pistoia
  • 15:04 - 24/4/2019
  • 434 utenti online
  • 21639 visite ieri
  • [protetta]
  • Cerca:
In evidenza:  
BASKET

In una situazione oggettivamente molto difficile, sarà importante per Pistoia riuscire a controllare anche l'aspetto emotivo: "E' una delle cose che ci sono mancate contro Torino -spiega Moretti- dal momento che per non aver saputo controllare i nervi abbiamo regalato ai nostri avversari tre possessi e sette tiri liberi"

BASKET

Finisce 81-78 al termine di una gara combattutissima: Pistoia, condannata anche dagli episodi, vede allontanarsi la salvezza.

SPADA

Grandissima impresa dello spadista della Chiti Fabio Mastromarino che a Caserta ha vinto la seconda prova del circuito nazionale under 14 Kinder + sport. Fabio ha vinto la gara con grande autorità, riscattando così la prima delle due gare del circuito nazionale in cui aveva reso al di sotto delle sue possibilità

BASKET

Dopo aver bagnato il suo secondo esordio sulla panchina biancorossa con  la vittoria del PalaDozza, Paolo Moretti cercherà il "raddoppio", domani, nel delicatissimo scontro diretto contro Torino

SCI

Il ricavato della manifestazione, 4.000 euro, andrà all’associazione Zeno Colò per l’ospedale Pacini di San Marcello Pistoiese

BASKET

I biancorossi si impongono in casa della Virtus con il punteggio di 78-67 e rispondono alla vittoria di Torino, attesa domenica al PalaCarrara in quello che si preannuncia come un vero e proprio spareggio per rimanere in serie A

SCHERMA

Grande la prova di Nicol Foietta, alle qualificazioni per i campionati italiani assoluti disputatesi a Caorle. La seconda prova di qualificazione, utile per individuare (all’esito delle due prove) le migliori 24 qualificate per le finali in programma a giugno a Palermo, ha visto Nicol issarsi fino al 3° posto grazie a una grande gara

SCI

Si è conclusa in Toscana all’Abetone sotto uno splendido sole la Fase Internazionale della 37° edizione di Pinocchio Sugli Sci, la rassegna giovanile di sci alpino fondata nel 1981 in onore del celebre burattino collodiano, la più amata d’Italia e tra le 5 più importanti al mondo.

STORIA

25 APRILE 2019 Festa di Liberazione, omaggio alla Resistenza Ore 11 - Piazza della Resistenza – Pistoia - Cerimonia al monumento ai caduti. Ore 12 – Piazza del Duomo – Pistoia - Concerto Bande. Organizzata da CUDIR Pistoia.

MOSTRA

Proseguirà nel Battistero di San Giovanni in Corte fino a domenica 2 giugno 2019 (apertura tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 18) l'esposizione del Crocifisso di Jorio Vivarelli, insieme alle fotografie di Aurelio Amendola

TEATRO

La compagnia de Gli Omini lancia gli ultimi appuntamenti che completeranno la micro-stagione di spettacoli cominciata a gennaio 2019 in Segheria, lo spazio pistoiese in zona Sant’Agostino

MOSTRA

Venerdì 12 aprile alle ore 18 la Fondazione Marino Marini di Pistoia inaugura la personale della fotografa cinese Gao Yuan. La mostra rimarrà aperta fino al 16 giugno e propone laboratori per bambini condotti dalla stessa Yuan

LIBRI

Ivan Raversi è un quarantenne ancora costretto a vivere con i genitori, a mendicare affetto e a barcamenarsi nella ricerca di un’occupazione. Un nuovo impiego è l’occasione per risolvere tutti i suoi problemi. Ma a che prezzo?

TEATRO

Sabato 6 e 27 aprile vanno in scena al Teatro Moderno di Agliana due commedie avvincenti per la regia di Dora Donarelli e prodotte dalla Compagnia Il Rubino

MOSTRA

Inaugura sabato 30 marzo, alle 16.30 nelle sale Affrescate del Palazzo comunale l’installazione artistica site – specific Conflitti e Armonie di Luigi Petracchi a cura di Laura Monaldi, che resterà aperta fino al 28 aprile

MOSTRA

Villa Smilea ospita dal 30 marzo al 14 aprile “Anime vaganti”, la retrospettiva dell’artista pistoiese Riccardo Baldini, classe 1954, che ripercorre la china di una pittura dedicata all’indagine dell’interiorità umana

Non ho bisogno di te, ho voglia di te. vita mia
Non .....
Mai sarebbe andata,
ma in qualche modo
lasciai .....
Dal libro
"PER MIA FORTUNA, AMANDO, MI SONO ROVINATO .....
Il consenso delle stelle

Esiste una favola vera
dove .....
Il mio amico francesco Nesci, reduce da un ischemia nel 2017, .....
Il mio amico francesco Nesci, reduce da un ischemia nel 2017, .....
Pescia, centro storico, 3° piano.
Tre vani e ½ di mq. 60 .....
Randstad Italia Spa

Ricerca

per ALIA Servizi Ambientali .....
RUBRICA - "EUROPA, SI PUO'"
Notizie dalla GFE: congresso a Zurigo e un evento a Ventimiglia

28/10/2015 - 21:58

Continuiamo ad approfondire i temi del federalismo europeo insieme a Giulio Saputo, attivista pistoiese dalla forte vocazione europeista e attuale segretario nazionale della Gioventù Federalista Europea.

 

Come è andato il congresso della JEF Europe che si è svolto a Zurigo dal 23 al 25 ottobre?

Il congresso che si è svolto a Zurigo è andato davvero molto bene, direi oltre ogni aspettativa. La delegazione italiana era rappresentata da quasi trenta giovani provenienti da tutta Italia e il nostro contributo al dibattito e sugli emendamenti alla political platform si è fatto indubbiamente sentire. Da tradizione, la Gioventù Federalista Europea porta anche nella JEF Europe le posizioni più avanzate riguardo la necessità di un'Europa politica e federale (infondo è qui in Italia che è nato il federalismo organizzato con Altiero Spinelli e Mario Albertini).

Questo è il primo congresso in cui vengono eletti in Europa così tanti militanti espressi dalla GFE: Jacopo Barbati e Miriam Postiglione all'Executive Board, Luca Lionello, Simone Cuozzo, Francesca Vistarini e Giulia Spiaggi eletti al Federal Committee, Carlo Maria Palermo all'Arbitration Board.

La generazione dei giovani federalisti europei è fatta da ragazzi e ragazze che parlano correntemente l'inglese, che hanno una visione globale della politica e che hanno come faro i diritti umani e l'accoglienza. Insomma, un inestimabile patrimonio umano, con personalità dotate di etica politica che sarebbe auspicabile andassero a far parte della futura classe dirigente di questo paese. Cosa pensa in proposito?

 

Che dire? In GFE ci sono sicuramente molti ragazzi di alto valore politico e umano. Aver conosciuto tante di queste splendide persone è uno dei principali motivi per cui io stesso sono diventato un militante. In particolare, nella Gioventù Federalista Europea (la sezione italiana della JEF) esistono una morale e una certa formazione sulla militanza davvero rare per i tempi in cui viviamo. Un federalista europeo è colui il quale sceglie come battaglia della propria vita quella dell'impegno volontario in un movimento, senza nessun obiettivo di affermazione politica personale, senza nessuna prospettiva di guadagno ma soprattutto con la salda consapevolezza di dover agire nella vita di tutti i giorni secondo la massima "fai della contraddizione tra fatti e valori una questione personale".

L'ambizione è unicamente quella di portare il proprio contributo per la realizzazione di un mondo migliore: in questo si concretizza il nostro intento. Difficilmente i militanti federalisti scelgono la politica nazionale perché il nostro obiettivo rimane la costruzione di un nuovo potere (una democrazia federale in Europa) e non la conquista di quello esistente.

Tutti coloro che si lanciano però anche in altri impegni oltre a quello federalista (che è molto totalizzante) hanno di solito ben chiaro "il perché" e cercano quindi di far quello che possono per portar avanti la causa degli Stati Uniti d'Europa nelle associazioni o nei partiti in cui scelgono di lottare. In questo senso il nostro impegno è davvero rivoluzionario, parliamo di una rivoluzione pacifica, ma comunque una rivoluzione.

Tra i federalisti non esistono gerarchie che non permettano critiche, siamo tutti "compagni" nel più alto senso del termine. Possiamo definir tutto questo un modo davvero diverso di far politica rispetto ai classici luoghi comuni di cui si sente spesso parlare. Insomma, per chi ha deciso anche solo per un periodo limitato nel tempo di condividere sinceramente la nostra battaglia, questa esperienza rimane assolutamente una scuola di vita che lascia il segno.

Il 7 novembre a Ventimiglia ci sarà una iniziativa molto importante promossa dalla Gioventù Federalista Europea, ossia un dibattito volto a porre l'accento sulla necessità di eliminare i confini, fisici o giuridici, che ancora esistono nell'Unione Europea. Ce ne vuole parlare?

Questo evento, che ha ottenuto anche il patrocinio della Camera Dei Deputati e che organizziamo volontariamente in una zona "rossa", cade in un momento storico davvero drammatico per il nostro continente.

Muri, lacrimogeni e proiettili di gomma contro i disperati che scappano da guerra e morte: questa è l'idea d'Europa che rischiamo di veder affermata in Ungheria, Polonia (drammatico il risultato delle ultime elezioni) ed in Austria. Intanto anche la Germania, il più grande Stato europeo, non ha chiaramente la forza e le risorse per dare una risposta efficace al dramma dell'immigrazione. I proclami non bastano chiaramente più, servono soluzioni serie che possano avere un valore per le prossime generazioni. Per salvare l'Europa dell'accoglienza e dei diritti umani sono necessarie una politica unica per l'immigrazione e un'unica politica estera ed economica.
La GFE organizza questo evento con buona parte della società civile e delle istituzioni nazionali impegnate sul tema, coinvolgendo anche altre sezioni JEF europee, per rispondere a questo oscurantismo che rischia di dilagare con una forte voce di speranza.
Sono già confermati infatti: Simone Fissolo, Presidente GFE; il Movimento Federalista Europeo (MFE) di Ventimiglia; Enrico Ioculano, Sindaco di di Ventimiglia; l'associazione CommonBorders.eu; Alfonso Sabatino, AICCRE (Associazione Italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa); Walter Massa, Responsabile immigrazione Arci nazionale; l'On. Paolo Beni (Commissione Parlamentare di inchiesta sul sistema di accoglienza e di identificazione di migranti e richiedenti asilo) e l'On. Massimo Artini (IV Commissione difesa e Comitato parlamentare di controllo su Schengen ed Europol).

Per informazioni e aggiornamenti sull'evento: https://www.facebook.com/events/776630362458818/

Giulia Baglini

 

Nelle foto: la delegazione italiana al congresso della JEF di Zurigo e la foto di gruppo con i delegati provenienti dagli altri stati europei

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: